Cristiani d’Oriente

Per un pugno di petrodollari, l’Europa ha venduto la sua anima.

Per conoscere, per riflettere.
Al servizio degli obiettivi della NATO. L’integralismo islamico saudita e le sue collusioni col potere occidentale.” Questo è il tema centrale dell’articolo.
L’autore ripercorre la storia quasi interamente sottaciuta, ignorata o sottovalutata dei legami perversi tra l’Arabia Saudita e l’Europa. Spesso la confusione e il disorientamento regnano sovrani in questa epoca di contrapposizioni alimentate da un’informazione asservita o latitante e di insofferenza verso comunitàche percepiamo come ‘’corpo estraneo’’, benché ormai da lungo tempo costituiscano parte integrante della storia e della civiltà del Continente Europeo. I nostri governanti ci raccontano di ‘’lotta senza tregua al terrorismo’’ e si presentano come ‘’paladini della democrazia’’, ma ci coinvolgono in guerre predatorie che contribuiscono a indebolirci economicamente: cessazione di traffici commerciali, sanzioni usate come atti bellici… o all’insorgere di tensioni sociali pericolose per l’inevitabile arrivo ‘anomalo’ di rifugiati dai Paesi aggrediti e devastati. Questi stessi governanti, che non esito a definire scellerati, ricevono in pompa magna i leaders tirannici di Qatar, Arabia Saudita e compagnia, si fanno corrompere da loro, gli hanno ceduto e continuano a cedere quote di sovranità in svariati campi, anche a scapito della nostraincolumità proprio con l’uso del terrorismo preordinato dagli stessi ‘’amici’’ abietti. E continuano a ingannare, a strumentalizzare e a mettere gli uni contro gli altri tutti i popoli, tutte le etnie, tutte le credenze e opinioni per i loro scopi miserabili.
    Maria Antonietta Carta

Per un pugno di petrodollari, l’Europa ha venduto la sua anima.

di René Naba
(scrittore e giornalista specializzato nel mondo arabo. E’ responsabile del coordinamento editoriale del sito Madaniya)
  Nota del redattore www.madaniya.info, 2 febbraio 2018:
….. madaniya.info sottopone all’attenzione dei suoi lettori un’analisi sullaforma più perniciosa di strumentalizzazione dell’Islam al servizio degli obiettivi della NATO, in una strategia a doppio attacco:
Contro l’ateismo dell’Unione Sovietica, al culmine della guerra fredda sovietico-americana (1945-1990), da un lato.
Come freno all’impegno nelle lotte sindacali della popolazione immigrata musulmana dell’Europa occidentale, dall’altro.
Una strumentalizzazione operata conl’effetto corruttore dei petrodollari, tanto disastrosa per il mondo arabo, per il mondo musulmano e per il mondo occidentale quanto per l’Islam stesso.

I – LA COMUNITA ARABO-MUSULMANA D’EUROPA, VENTOTTESIMO STATO DELL’UNIONE EUROPEA.
A – principale gruppo etnico-identitario sedimentato dopo quello centro-europeo e giudeo-cristiano.
Cinque secoli di colonizzazione intensiva in tutto il mondo non hanno ancora normalizzato la presenza di “mori” sul suolo europeo, proprio come tredici secoli di presenza continua, materializzata da cinque ondate di emigrazione, non hanno conferito all’Islam lo status di religione indigena in Europa, dove da mezzo secolo si dibatte sulla compatibilità dell’Islam con la Repubblica, quasi a scongiurare l’inevitabile aggregazione ai popoli europei di questo gruppo etnico-identitario, primo per importanza fuori dalla sfera europea centrista e giudeo-cristiana.
Le domande sono reali e giustificate: problema della compatibilità tra Islam e modernità, compatibilità tra Islam e secolarismo, ma per la loro declinazione ripetitiva variazioni su questo tema rimandano principalmente al vecchio dibattito coloniale sull’assimilazione dei nativi. Come a dimostrare il carattere inassimilabile dell’Islam nell’immaginario europeo per nascondere le antiche fobie scioviniste, nonostante gli accoppiamenti ancillari delle colonie d’oltremare, nonostante le mescolanze in Nord Africa e nel Continente nero, nonostante il missaggio demografico avvenuto, in particolare, nelle ex potenze coloniali (Regno Unito, Francia, Spagna, Portogallo e Paesi Bassi) a causa delle successive ondate di profughi nel XX secolo da Africa, Asia, Indocina, Medio Oriente e da altre parti.
Così come lacomposizione demografica del continente europeo è interrazziale. Certamente europea, ma anche, in misura minore, arabo-berbero, negro-africano e turco-indo-pakistano.

II – FRANCIA PRIMO PAESE EUROPEO PER L’IMPORTANZA DELLA SUA COMUNITÀ MUSULMANA
Primo Paese europeo per l’entità della sua comunità musulmana, la Francia è anche, proporzionalmente alla superficie e alla popolazione, il più importante centro musulmano del mondo occidentale con circa sette milioni di musulmani, 2,5 milioni di nazionalità francese. Più musulmani di quanti ve ne siano complessivamente in poco meno di otto Paesi membri della Lega araba (Libano, Kuwait, Qatar, Bahrein, Emirati Arabi Uniti, Palestina, Isole Comore et Djibouti). La Francia potrebbe, a giusto titolo giustificare l’adesione all’Organizzazione della Conferenza Islamica (OCI), il forum politico panislamico che raggruppa cinquantatré Stati di diversi continenti, o almeno disporre di un seggio come osservatore.
In confronto, gli Stati Uniti, in un’area di 9,3 milioni di km2 e con una popolazione di 280 milioni, hanno circa 12 milioni di musulmani.
La comunità arabo-musulmana dell’Europa occidentale costituisce il nucleo principale della popolazione immigrata, nonostante la sua eterogeneità linguistica ed etnica e, con 25 milioni di persone, potrebbe dirsi – battuta che maschera una realtà – il 28 ° Stato dell’Unione Europea. Tanto come il Benelux.
Circa 5 milioni risiedono nei tre Paesi dell’ex blocco comunista (Albania, Bosnia-Erzegovina e Bulgaria) e il resto nei Paesi fondatori dell’Unione Europea (Germania, Benelux, Francia, Italia). A questa cifra, si aggiunge il nuovo flusso migratorio generato dalle guerre di predazione economica del mondo arabo da parte della NATO (Siriani, Libici, Iracheni, Somali, ecc.). Il Regno Unito, che ha una grande comunità indo-pakistana asiatica, non è incluso in questo conteggio a causa del BREXIT.
Secondo Pew Research Center, un istituto indipendente americano specializzato nello studio della demografia religiosa, i musulmani potrebbero rappresentare tra il 7,4% e il 14% della popolazione europea entro il 2050, contro il 4,9% nel 2016. Sempre secondo stime Pew, 53 % è il tasso dei musulmani tra gli immigrati arrivati in Europa tra il 2010 e il 2016 nei 28 Paesi dell’Unione europea (incluso il Regno Unito), Norvegia e Svizzeracompresi.
In “Limine Limitis’’ (prima che abbia inizio la lite), usciamo dall’ambiguità: l’Islam non ha conquistato l’Europa, per non parlare della Francia. È l’Europa che ha deciso di conquistare i Paesi arabi e in prevalenza musulmani africani. La Francia: il Maghreb e l’Africa nera, i Paesi Bassi: l’Indonesia, il Regno Unito: l’Impero indiano (India, Pakistan, Bangladesh) e l’Africa orientale.
L’Islam non è quindi un prodotto del territorio francese, come il Cristianesimo, ma la conseguenza residua del riflusso dell’impero. Il prodotto deriva dalla turgescenza coloniale francese e dalla sua escrescenza d’Oltremare.
Senza colonizzazione, niente « burnous à faire suer»: burnous da far sudare, espressione usata in epoca coloniale, quando i coloni facevano faticare duramente, o sudare, i Maghrebini. Né “bougnoule”: muso nero, né “there is good banania”: lessico razzista nella pubblicità di una bevanda al cioccolato, né “flesh with cannon”: carne da cannone. Nessun “bicot”: persona mediorientale o nordafricana, o “ratonnade”: violenta spedizione punitiva di matrice razzista contro i nordafricani, o “« délits de faciès»: delitti in base all’apparenza fisica o del vestiario: pratiche discriminatorie e razziste, nessun “Codice di Indigenato” o “Codice Nero”, non più “Venus callipigia” o “Setif”: massacro di, né “Thiaroye”: massacro di, né “Sanaga”: massacro di, Per non parlare di “territori perduti della Repubblica”! E non l’Islam, almeno in questa densità.
“Il burro e i soldi del burro ed anche il sorriso della lattaia”: fapensare ad una favola morale. O ad una fiaba. Come il “peso dell’uomo e il suo fardello di nascita”: Rudyard Kipling descrive con suprema arroganza il compito dei colonizzatori occidentali chiamandolo “il fardello dell’uomo bianco” (sic!). Cioè il peso che grava sulle spalle dell’uomo europeo
Un alibi destinato a mascherare la megalomania predatoria.

LA LEGGE DEL 9 DICEMBRE 1905 SULLA SEPARAZIONE TRA STATO E CHIESA.
Affermare che l’Islam non esisteva in Francia al momento dell’adozione della Legge sulla separazione tra Chiesa e Stato,che sanciva la laicità, è una menzogna spudorata. Tranne considerare “subumane” le popolazioni musulmane dell’Africa occidentale (Senegal, Mali, Mauritania, Guinea, Ciad, ecc.) e del Nord Africa (Algeria, Tunisia, Marocco). L’Islam, presente in Francia al tal punto che la patria della laicità intendeva proclamarsi “Califfo d’Occidente” in contrapposizione al califfato dell’Impero ottomano e nominare Hubert Lyautey Maresciallo dell’Islam.
III – EUROPA LUOGO DI PASSAGGIO O DI RADICAMENTO DEI MUSULMANI?
Issam Al Attar contro Saïd Ramadan. La controversia sul tentativo di aggiornamento dell’Islam politico.
La disputa è di vecchia data e, negli anni ’70 del secolo scorso, contrappose due leader dei ‘’Fratelli Musulmani’’: il siriano Issam Al Attar in esilio ad Aachen (Germania) e l’egiziano Said Ramadan a Monaco di Baviera, dove partecipava al programma di sedizione dei contingenti musulmani dell’esercito sovietico, attraverso le radio americane dell’Europa centrale.
Issam Al Attar, fratello di Najah Al Attar, attuale vicepresidente della Repubblica araba siriana [questa posizione così antitetica all’interno di una stessa famiglia ci fa immaginare quanto sia complessa la realtà della società sunnita siriana. N.d.T.], riteneva che l’Europa fosse una destinazione temporanea per l’emigrazione, un luogo di transizione, che fosse importante per i musulmani in Europa rispettare le leggi di ospitalità dei Paesi ospitanti e sfruttare al massimo le esperienze europee nei vari settori dell’attività intellettuale, economica e scientifica per farne beneficiare poi il loro Paese di origine.
Saïd Ramadan, al contrario, riteneva che l’Europa fosse un luogo di ancoraggio stabile della popolazione immigrata musulmana e che il loro ambiente socio-culturale doveva essere modificato di conseguenza, per adattarlo ad una presenza duratura dei lavoratori musulmani immigrati nel territorio dei loro ex colonizzatori.
Agitatore di professione per conto dei suoi sponsor, Said Ramadan trionfò in questa disputa non tanto con la pertinenza delle sue argomentazioni, ma con la forza finanziaria e il sostegno dei servizi segreti occidentali, che lo spinseroalla leadership dell’Islam europeo con il fine di ostacolare l’inserimento degli immigrati musulmani nelle lotte di rivendicazione sociale all’interno di sindacati o di partiti percepiti dagli strateghi atlantisti come “compagni di strada” dell’Unione Sovietica.
La tesi di Saïd Ramadan prevalse non certo perché in linea con gli interessi a lungo termine del mondo arabo, la sua ripresa e la promozione dell’Islam, ma perché rispondeva agli obiettivi strategici della NATO.

IV – EUROPA RETROVIA DEI “COMBATTENTI PER LA LIBERTÀ” NEL PERIODO AFGHANO.
Sotto l’ala protettrice degli Stati Uniti, l’Arabia Saudita schierò la più grande ONG caritatevole del mondo, con il fine di fare proselitismo e conquistare nuove terre di missione negli anni ’70 -’80, specialmente in Europa, grazie al boom del petrolio e alla guerra in Afghanistan.
Questo spiegamento tentacolare avvenneattraverso l’uso intensivo della politica del libretto degli assegni. L’Arabia Saudita sviluppò quindi una diplomazia d’influenze basata sulla strumentalizzazione della religione musulmana per fini politici, sulla corruzione di coloro che hanno il potere decisionale a livello mondiale e sull’azzittire le critiche alla dinastia wahhabita per mezzo di un impero mediatico straordinario.
Per un pugno di dollari, l’Europa ha perso la sua anima. Signora di alta moralità, ma di piccole virtù, ha ceduto al sottile fascino dei petrodollari per diventare la piattaforma principale dell’impero mediatico saudita e il rifugio principale dei leaders islamici, additati poi [ipocritamente] alla pubblica riprovazione. I governanti europei riuscirono anche nell’impresa di dar rifugio a più dirigenti islamici di tutti i Paesi arabi congiuntamente.

V – EUROPA, RIFUGIO DI AYMAN AL ZAWAHIRI, L’ATTUALE NUMERO UNO DI AL QAIDA.
In Europa occidentale – dove ai jihadisti si conferiva il titolo di “combattenti per la libertà” dall’ingannatore del Panshir Bernard-Henri Lévy, interlocutore virtuale del Leone del Panshir, il Comandante Massoud Shah – dopo la guerra antisovietica dell’Afghanistan, negli anni ’80 del secolo scorso, risiedevano sessanta leaders islamici.
Quindici di loro avevano lo status di “rifugiato politico” nella maggior parte dei Paesi europei: Regno Unito, Germania, Svizzera, Norvegia, Danimarca.
A – Londra, capitale mondiale della protesta contro l’Islam, ma anche piattaforma dello schieramento mediatico internazionale saudita (1), aveva tra i suoi ospiti i principali oppositori islamici:
1. Rachid Ghannouchi (Tunisia-An Nahda).
2. Kamar Eddin Katban (Algeria-Vicepresidente della Commissione FIS algerina: Islamic Salvation Front).
3. Mubarak Fadel Al-Mahdi (Sudan).
4. Attaf Hussein (leader pakistano dell’opposizione: Muhajir Qawmi Movement (MQM).
5. Adel Abdel Majid (Egitto).
6. Ibrahim Mansour (Egitto), vice Leader Supremo dei Fratelli Musulmani.
7. Ali Sadreddin Bayanouni (Siria), controllore generale dei Fratelli Musulmani della Siria.
8. Azzam A Tamimi (Palestina), membro del comando ombra di Hamas, il ramo palestinese della fratellanza.
9. Abu Moussa’b As Soury (Siria), alias Moustapha Abdel Kader Sitt Mariam), teorico dei “lupi solitari”.
10. Abu Hamza Al Masri (Moustapha Kamal Moustapha).
11. Qtada Abu Al Falastini (Omar Mohamad Osman).
12. Abu Farès, nome di guerra dell’algerino Farouk Danish.
13. E, per un breve periodo, il più illustre di loro, Osama Bin Laden, fondatore di Al Qaida.
Londra ospitava anche la redazione del periodico jihadista “Al Ansar”, pubblicato nella capitale britannica, ma con residenza in Svezia presso Abdel Karim Danish, che godeva dello status di rifugiato politico. La capitale britannica sarebbe stata meno permissiva nei loro riguardi dopo l’attacco del 7 luglio 2005, avvenuto durante lo svolgimento del Vertice del G8 , nel giorno successivo alla decisione del Comitato olimpico internazionale di assegnarle l’organizzazione dei Giochi Olimpici del 2012.In questo attacco furono uccise 50 persone.
Londra era anche la piattaforma strategica per il dispiegamento dei media internazionali del Regno Wahhabita, che aveva conservato quasi integra la sua forza d’attacco: una catena transfrontaliera MBC (Middle East Broadcasting Center), due radio a diffusione transcontinentale MBC FM e la radio communitaria inglese SPECTRUM, nonché cinque giornali, tra cui due ammiraglie della stampa trans-araba “Al Hayat” e “Al Charq Al Awsat”.
B – La ripartizione di altri famosi rifugiati politici (2)
La Germania era al secondo posto, con due esiliati: Issam Al Attar, leader dei Fratelli Musulmani in Siria e Saïd Ramadan (Egitto), genero di Hassan Al Banna, il fondatore della Fratellanza.
Esiliato ad Aquisgrana, Issam Al Attar esercitava il suo magistero europeo dalla “Casa dell’Islam” a Francoforte, in collaborazione con il Centro Islamico di Ginevra. Come affronto per l’Occidente e per la Fratellanza Musulmana, il presidente siriano Bashar al-Assad ha nominato la sorella di Issam Al Attar, Najah Al Attar, che fu ministro della cultura per 32 anni, Vice Presidente della Repubblica nelle ultime elezioni presidenziali del giugno 2014. Una donna sunnita garante del potere baathista.
Invece Said Ramadan, da precursore, aveva fondato nel 1961, con il sostegno del futuro re Faisal d’Arabia, il “Centro islamico di Ginevra ” e guidato un’organizzazione islamica a Monaco: il “Gemeinschaft in Islmische Deutchland”, incaricato di riqualificare i disertori musulmani dell’Armata Rossa.
Nel 1962, sotto la sua presidenza, i sostenitori ebbero un ruolo importante nella fondazione della “World Islamic League’’, la struttura parallela a base religiosa creata dall’Arabia Saudita per contrastare l’influenza della diplomazia di Nasser e dell’Università Al Azhar, che è la più prestigiosa università religiosa del mondo musulmano.
La spinta politica e finanziaria dei Sauditi e degli Statunitensi fornì all’organizzazione i mezzi per creare una struttura islamica giusto in tempo per accogliere l’ondata migratoria musulmana verso l’Europa negli anni ’70, sulla scia del boom petrolifero.
Una nota confidenziale del servizio segreto svizzero, datata 17 agosto 1966, riferisce sulla “simpatia” del BUPO, polizia federale per la protezione dello Stato, nei confronti di Said Ramadan specificando: “È certamente in ottimi rapporti con Inglesi e Americani”. Un altro documento, datato 5 luglio 1967, è ancora più preciso. Saïd Ramadan è presentato come un “agente segreto degli Inglesi e degli Americani. Inoltre, credo che abbia reso servizi – sul piano informativo – a BUPO. “
Fatto sta che, in una riunione presieduta dal capo della Procura federale, il 3 luglio 1967, si decise di concedere un permesso di soggiorno a Said Ramadan, mentre egli avrebbe dovuto essere espulso il 31 gennaio 1967.
Le ragioni di questa tolleranza? La possibilità “che gli amici di Saïd Ramadan prendessero il potere nei mesi successivi in uno o nell’altro Stato qualificato di progressista o di socialista”. Fantasia tenace tra gli Occidentali, fino alla loro frustrazione collettiva della “primavera araba”.
A leggere la lista di illustri ospiti dell’Europa, la “guerra al terrorismo” sembra ridicola. Indice della duplicità della diplomazia occidentale, sia nei confronti dell’opinione pubblica occidentale sia nei confronti del mondo arabo.
C – Tra i famosi rifugiati politici c’erano:
Ayman Al-Zawahiri , successore di Osama Bin Laden alla testa di Al Qaeda. Nel periodo in cui ricopriva il ruolo di “Comandante dei gruppi islamici in Europa”, egli risiedeva in Svizzera. Coinvolto in attività sovversive del gruppo islamico “Al-Awdah” (Il ritorno), non fu oggetto di alcuna condanna. Negli anni ’80 aderì alla formazione “Al-Jihad”e fu condannato a 3 anni di prigione per l’assalto alla tribuna presidenziale, che condusse all’assassinio del presidente egiziano Anwar Al-Sadat, ottobre 1981. Uscito dal carcere, trascorse del tempo in Afghanistan prima di tornare in Europa.
Talaat Fouad Kassem, portavoce dei movimenti islamici in Europa, beneficiario di asilo politico in Danimarca. Condannato a 7 anni di carcere al momento dell’assassinio di Sadat, fu il primo a unirsi ai ranghi dei combattenti islamici afghani, distinguendosi negli squadroni della morte durante le operazioni di guerriglia antisovietica. Prima del soggiorno danese, diresse i raggruppamenti islamici a Peshawar, in Pakistan: punto di transito per i Mujahidin in Afghanistan. Incaricato di coordinare le attività dei vari funzionari e di trasmettere consegne, istruzioni e sussidi tra l’Europa e gli attivisti di base in Egitto, dovette sospendere le sue attività nel giugno del 1995, dopo il 20 ° tentativo di assassinio del presidente Hosni Mubarak.
Mohamad Chawki Al-Islambouli, fratello dell’assassino di Anwar Sadat, Khaled Al-Islambouli. Prosciolto al processo dell’assassinio dell’ex Capo di Stato egiziano, si unì ai ranghi dei combattenti anti-israeliani nel sud del Libano prima di recarsi nel Peshawar. Residente a Kabul, Chawkat Al-Islambouli è stato condannato in contumacia nel processo “Egitto-Afghanistan”.
Infine, Hani Al-Sibai (Egitto) beneficiòdell’asilo politico norvegese.

VI – UN IMPERO PER ‘’STERILIZZARE’’ LO SPAZIO HERZIANO (3)
In un decennio, l’Arabia Saudita, autoproclamandosi leader del mondo islamico, si affermava come holding multimediale. Un gigante dei mass media alla pari dei conglomerati occidentaliper una strategia offensiva con l’intento non confessato di ‘’sterilizzare’’ le telecomunicazioni da qualsiasi inquinamento anti-saudita, di “predicare la buona parola” e di annientare la contaminazione rivoluzionaria, pregiudizievole per la sua leadership, nella sfera musulmana.
Esercitando un monopolio di fatto sia nella zona euro-mediterranea sia all’interno del mondo anglosassone, il dispositivo multimediale saudita comprendeva due gruppi multimediali con la loro schiera di canali televisivi transfrontalieri: dieci canali tematici, stazioni radio transcontinentali, un’agenzia di stampa internazionale (United Press International) e cinque riviste pan-arabe. Non sorprende che una simile quantità di strumenti appartenesse alla famiglia reale saudita, tanto da giustificare questa battuta: “la dinastia wahabita è l’unica azienda di famiglia nel mondo che siede alle Nazioni Unite.”
Un doppio imperativo guidava i leaders sauditi nella loro avventura mediatica: la necessaria neutralizzazione del successo della rivoluzione iraniana presso l’opinione pubblica musulmana e la necessità altrettanto urgente di giustificare, durante la prima Guerra del Golfo (1990-1991), la presenza di quasi 500.000 soldati occidentali sul suolo saudita, vicino ai Luoghi Santi dell’Islam.  
Circostanza senza precedenti: una massiccia presenza di non-musulmani – tra cui 60.000 soldati americani di religione ebraica – percepita come profanazione del santuario per il quale la dinastia wahhabita avrebbe, in linea di principio, il dovere di tutela e protezione.
Considerato come segnale della collusione dei “Guardiani dei Luoghi Santi” con gli oppressori dei musulmani, servì per giustificare la rottura di molte formazioni islamiche con il regno saudita loro finanziatore. In particolare il leader di Al Qaida, Osama Bin Laden, e la FIS algerina.
L’apparato multimediale saudita fu esteso al territorio nazionale con due strumenti atti a guidare proselitismo religioso e jihadismo asiatico: L’operazione ‘’Holy Qoran (Santo Corano)” e “La Voce dell’Islam”: ONG di predicazione e imprecazione le cui metastasi jihadiste si sarebbero trasformate in proto-stati con stigmatizzazione e decapitazione come marchi di fabbrica.  
Il programma “Holy Qoran’’.
Lanciata nel 1972, un anno prima della guerra dell’ ottobre 1973, durante la quale il Regno saudita utilizzò l’arma del petrolio per piazzarsi come il nuovo leader del mondo musulmano, ‘’Holy Qoran’’ era una trasmissione in arabo emessa da Riyadh per 18 ore quotidiane verso il mondo arabo e l’Asia meridionale e destinata ai grandi Paesi musulmani (Afghanistan, Pakistan, Bangladesh, Malesia, Indonesia e India). Ad essa si aggiungeva “Voice of Islam’’, trasmessa dalla Mecca. Il tutto sotto la protezione degli American AWACS, i famosi radar aerei che solcavano il cielo saudita per scongiurare qualsiasi aggressione contro la dinastia wahabita.
VI – DISTRIBUZIONE A TELA DI RAGNO.
Il proselitismo in loco era coadiuvato a livello internazionale da una struttura discreta ma efficace: la ‘’World Islamic League’’, strumento preminente nelcontrollo delle comunità musulmane della diaspora. Fondata nel 1962 a La Mecca, la ‘’World Islamic League’’ esercitava l’autorità nella formazione di imam e predicatori, nella gestione delle borse di studio e nello sviluppo di strumenti di comunicazione didattica (diffusione del Corano, documenti audiovisivi, cassette, film).
Così, durante gli anni ’80, al culmine della guerra in Afghanistan, il regno saudita pubblicò 53 milioni di copie del Corano, donandone 36 milioni ai fedeli di 78 Paesi in occasione del Ramadan, come indicano i dati forniti alla stampa dell’epoca da Mohamad Ben Abdel Rahman Ben Salamah, vice ministro saudita dei Beni religiosi (waqf ) ai tempi della prima guerra del Golfo (1990-1991).
Ventisei milioni ne furono offerti ai fedeli dell’Asia, cinque milioni per l’Africa, un milione per l’Europa e quattro milioni per l’America Latina. Nel frattempo, le due principali Università islamiche del Regno ammaestravano 39.000 predicatori di 47 nazionalità – la ‘’Mohammed bin Saud University’’ (Riyadh) contava 23.000 studenti di 40 nazionalità e la ‘’Umm al Core University ‘’ (Mecca) ne aveva 16.000 di 47 nazionalità – che dovevano diventare propagandisti zelanti della concezione ultra rigorista dell’Islam saudita presso le comunità dei Paesi musulmani.
Il “Consiglio superiore delle moschee”, il cui compito esclusivo consiste nella promozione dei luoghi di culto in tutto il mondo, è affiliato al “World Islamic League ‘’.
All’epoca, re Salman, che è protetto dal Presidente degli Stati Uniti, lo xenofobo e populista Donald Trump, era il governatore di Riyadh, e, paradossalmente, il più grande moltiplicatore di fondi per la jihad afgana attraverso il suo giornale “Al Sharq Al Awsat”.
In Europa, la ‘’World Islamic League’’ ha collocato suoi rappresentanti nella maggior parte delle città: Londra, Bruxelles, Roma, Ginevra, Copenaghen, Lisbona e Madrid. L’infiltrazione nelle popolazioni musulmane è avvenuta e avviene in maniera trasversale, con la proliferazione di centri culturali e religiosi e di istituzioni specializzate.
L’Arabia Saudita ha suddiviso le principali istituzioni tra le grandi capitali europee, per coinvolgere il maggior numero di Paesi dell’Unione Europea nella sua politica di proselitismo islamico-wahhabita e per prevenire qualsiasi vuoto istituzionale e ideologico che andrebbe a vantaggio dei rivali.
– Il Consiglio continentale delle moschee d’Europa ha sede a Bruxelles.
La Grande Moschea di Bruxelles è anche sede del Centro islamico e culturale del Belgio. Nel padiglione orientale della sede dell’Esposizione nazionale di Bruxelles del 1880 c’era un affresco monumentale, Veduta del Cairo di Emile Wauters, che aveva un grande successo. Nel 1967, re Baldovino donò l’edificio al re Faisal Ben Abdelaziz Al Saoud dell’Arabia Saudita, in visita ufficiale in Belgio.
– La ‘’European Academy of Islamic Jurisprudence’’ ha sede a Londra.
– La ‘’Word Assembly of Muslim Youth’’, istituzione transnazionale, serviva da contrappunto alla corrispondente organizzazione dei Fratelli Musulmani ‘’The International Islamic Federation of Students Organization’’, in quanto la Fratellanza, a lungo in grembo ai Sauditi, rivaleggiava con loronel teatro europeo dopo il massiccio afflusso di lavoratori immigrati dal Maghreb, dall’Africa nera, dalla Turchia (Germania) e dal Pakistan (Regno Unito).
Sotto l’autorità saudita, i Fratelli Musulmani ebbero un ruolo importante nella creazione di strutture panislamiche:
– La ‘’World Islamic League’’ (1962), struttura religiosa parallela creata dall’Arabia Saudita per contrastare l’influenza della diplomazia di Nasser e il prestigio dell’Università Al Azhar che è una delle principali fonti di giurisprudenza islamica.
– Il ‘’Consiglio Islamico Europeo’’, creato dieci anni dopo, nel 1973, anno del primo shock petrolifero e dello spostamento del centro di gravità del mondo arabo dalla zona popolosa e ribelle del Mediterraneo alla zona di abbondanza abulica del Golfo, doveva essere lo sponsor spirituale dell’ ‘’Unione delle Organizzazioni islamiche in Europa’’ (UOIE) e dell’ ‘’Unione delle Organizzazioni islamiche in Francia’’ nel 1983, nel bel mezzo dell’ascesa della terza generazione di immigrazione musulmana araba.
Parigi, dal canto suo, ha creato uno spazio di prestigio per lo spiegamento mediatico saudita, concedendo il benestare, in tutta l’accezione del termine, a Radio Orient e dotandola di un potere smisurato: si tratta dell’unica radio al mondo appartenente al capo di un governo straniero o in altre parole di un capo dell’opposizione di un Paese amico della Francia.
Noto per la permeabilità saudita, Radio Orient, in onda ogni venerdì, diffonde i sermoni del predicatore della Mecca, megafono dell’integralismo wahabita verso una popolazione arabo-musulmana bersaglio del fondamentalismo islamico. Come è avvenuto durante il decennio nero in Algeria (1990-2000) o nella guerra di Siria (2011- ancora in corso), in cui la Francia, patria dei diritti umani, si è schierata con i jihadisti takfiri, pagando il prezzo in termini di ricaduta terroristica, dalle uccisioni di Mohamad Merah a Tolosa, a Montauban (2012), a Mehdi Nemmoush, carceriere di quattro giornalisti francesi tenuti in ostaggio da Jabhat Al Nusra, alla carneficina di Charlie Hebdo ( gennaio 2015) alla decapitazione di Isère (luglio 2015), alla strage di Parigi-Bataclan (13 novembre 2015).
RIFERIMENTI
1 – Sull’Europa “Base operativa dei leader islamici nell’era afghana”
2 – Arabia Saudita: “L’unica azienda di famiglia al mondo a sedere alle Nazioni Unite. Vedere il Capitolo V di ” La guerra delle onde, la guerra delle religioni, la battaglia senza fili nel cielo dell’area mediterranea “. René Naba – Harmattan 1998.
3 – La Fratellanza Musulmana, una traccia della Guerra Fredda.
Qatar-Arabia Saudita
http://www.madaniya.info/2017/06/08/arabie-saoudite-qatar-guerre-freres-ennemis-wahhabisme-guerre-de-defausse/
Copyright © René Naba , madaniya.info , 2018
Traduzione dal francese di Maria Antonietta Carta

Ora pro Siria

La Vergine di Soufanieh per l’unità dei Cristiani dell’Oriente e dell’Occidente.

Mentre il sangue scorre in Siria da oltre sette anni, l’olio della Vergine Maria di Soufanieh ha continuato a scorrere, da oltre 35 anni a Damasco, la capitale siriana.

di Nadine Zelhof – Aleteia
traduzione: Gb.P.
È una storia relativamente sconosciuta in Occidente. Nel novembre 1982, in un quartiere modesto del nord di Damasco vicino a “La porta di Tommaso” un olio profumato è colato da una piccola icona della Vergine Maria che porta in braccio il bambino Gesù, una riproduzione della Vergine di Kazan. Questo olio è apparso per la prima volta sulle mani della giovane sposa della famiglia, Myrna Nazzour, il 22 novembre di quell’anno. “Non aver paura figlia mia, io sono con te. Apri le porte e non privare nessuno della mia vista!” È in questi termini che la Vergine Maria apparve per la prima volta a Myrna. Con le lacrime agli occhi e molto commossa, la ragazza ha testimoniato: “Sorpresa, paura, gioia o emozione, io non posso descrivere i miei sentimenti, tanto ero confusa, ma la domanda che si ripropone sempre nella mia testa è: perché proprio a me? “.
Soufanieh, è questo olio puro che trasuda dall’immagine della Vergine, ma anche dalle mani, dagli occhi e dalla fronte di Myrna. La ragazza ha avuto anche delle stigmate sulle mani, sui piedi e sulla fronte durante tutta la Settimana Santa, quando la celebrazione della Pasqua delle due comunità cristiane, ortodossa e cattolica, era unificata. Questo è accaduto ben cinque volte: 1984, 1987, 1990, 2001 e 2004.
Soufanieh, sono anche quei messaggi consegnati da Gesù Cristo e dalla Vergine Maria per la prima volta in lingua araba. Messaggi dello stesso spirito del Vangelo e della Santa Chiesa, dei quali Myrna ha confessato di non capire nulla al momento, ma che sono diventati più chiari in seguito, alla luce dei tragici eventi bellici.
Dal dicembre 1982, questi messaggi ricordano la necessità dell’unità delle Chiese. Nel suo ultimo messaggio, la Madonna ha detto a Myrna Nazzour: “Non temere figlia mia, se ti dico che questa è l’ultima volta che mi vedi, fino a che la Pasqua sia unificata . (…) Per quanto riguarda l’olio, continuerà a manifestarsi sulle tue mani per la glorificazione di mio figlio Gesù “.
Nel 2004, ha avuto poi un’apparizione di Gesù Cristo che le diceva: “Questo è il mio ultimo comando, che ognuno ritorni alla propria casa, ma che porti l’Oriente nel suo cuore. Da qui è brillata di nuovo una luce di cui voi siete l’irradiazione per un mondo sedotto dal materialismo, dalla sensualità e dalla celebrità. (..) Quanto a voi, preservate la vostra autenticità orientale, non permettete che siate alienati della vostra volontà, della vostra libertà e della vostra fede in questo Oriente “.
L’anno 2014, dieci anni dopo, mentre i cristiani d’Oriente si ritrovano sprofondati nella disperazione in una Siria completamente distrutta, accade un altro miracolo. Gesù manda un messaggio: “Le ferite che hanno sanguinato su questa terra sono le stesse che sono presenti nel mio corpo. Perché l’autore e la causa sono gli stessi.”. Nel 2017, l’anno scorso, le tre Pasque coincidevano: la Pasqua dei cattolici, quella degli ortodossi e quella degli ebrei. Il Sabato Santo l’icona trasudava olio dopo sedici anni di interruzione!
Testimonianze: passato e presente
Non si può parlare di Soufanieh senza menzionare Padre Elias Zahlaoui, fondatore del Coro della Gioia, la corale della Chiesa di Nostra Signora di Damasco e il primo testimone dei miracoli di Soufanieh. Accompagna Myrna ovunque nei suoi spostamenti, nei suoi interventi e nei suoi viaggi, di cui è il principale organizzatore.
“Ho scritto un primo libro su Soufanieh nel 1990 per comunicare agli altri ciò che mi è stato dato di vedere, ascoltare e di vivere. Poi l’ho ristampato e aggiornato nell’ottobre 2008, e l’ultima edizione è della fine del 2013. È mio dovere rendere noti i suoi fatti, i suoi messaggi, la sua spiritualità, il suo movimento di preghiera e i suoi appelli. Ho visto l’olio trasudare più volte dalle mani di Myrna, e specialmente la volta in cui lei ha spalmato con questo strano olio sua madre e sua cognata sofferenti e costrette a letto, e come esse si sono subito ristabilite. E tante altre volte quando io sono accompagnato da semplici civili, cardinali o sacerdoti, come il prete Pierre Boz dell’Arcivescovado di Parigi, e si compiono miracoli “.
Dal novembre 1982, Padre Zahlaoui è diventato un fedele testimone della quotidianità di Soufanieh. Questa casa modesta, trasformata da un giorno all’altro in un luogo di pace e conforto, nella “Casa della Vergine”. Inizialmente, le preghiere si svolgevano giorno e notte spontaneamente, affidate all’improvvisazione delle persone. Quindi Padre Zahlaoui ne prese la guida per far uso delle preghiere liturgiche bizantine come pure delle preghiere e dei canti maroniti e latini.
Nel 1992, durante la celebrazione della Messa a Soufanieh del Nunzio Apostolico, l’olio è stillato dalle mani di Myrna durante la comunione. Alla fine della messa, quando il Nunzio annunciò il suo desiderio di vedere un centro ecumenico di Nostra Signora di Soufanieh costruito a Roma, l’olio ricoprì di nuovo le mani di Myrna. Nell’ottobre 1999, quando fu inaugurato il centro, l’olio colò nuovamente dalle sue mani.
Una sola voce con più espressioni
“Già venticinque anni son trascorsi, ma la voce del Signore e della sua Santa Madre continuano a mormorare in noi e rafforzarci. Una singola voce dai molteplici accenti. Una sola voce con più espressioni. Soufanieh è Soufanieh per l’oggi e per domani e realizza ciò che lì abbiamo ascoltato: l’unità della Chiesa “, ha dichiarato il Patriarca melchita greco-cattolico Joseph Absi, all’epoca vicario patriarcale, durante la sua omelia per la messa che celebrava i 25 anni di Soufanieh.
“L’evento Soufanieh si erge in Oriente come un potente faro destinato a rettificare il cammino di un’umanità che è diventata per i suoi progressi scientifici così arrogante che sembra aver perso il suo giusto orientamento”, ha detto Zakka Iwaz, il Patriarca siriaco ortodosso di Antiochia. È in questo paese arabo che Gesù e la Vergine Maria hanno scelto per la prima volta di mandarci messaggi universali, spirituali, cristiani e umani in lingua araba, affinché i cristiani approfondiscano la loro fede in questo Oriente arabo e musulmano “.
Il cuore di Soufanieh senza confini
Grazie a Soufanieh, delle petizioni sono state lanciate in tutto il mondo per l’unità dei Cristiani e della festa di Pasqua. Televisioni straniere si sono mosse e continuano ad affluire qui, anche in questi difficili tempi di guerra. Da quando Roma ha riconosciuto questo fenomeno e ha inaugurato il centro “Notre-Dame de Soufanieh” in Vaticano nel 1999, vi sono presenti gruppi provenienti da Russia, Grecia, Germania, Belgio, Canada e paesi scandinavi. In Francia, il professore di teologia Patrick Sbalchiero si era molto interessato a questi eventi, e ha organizzato molti viaggi sul posto considerandoli come veri pellegrinaggi.
“In particolare nella festa di Pasqua del 2004 posta sotto il segno dell’unità dei cristiani. Appena arrivato, ho notato un’immensa fatica sul viso di Myrna, benchè fosse felice di vedere la folla che affluiva per pregare e testimoniare degli eventi futuri. C’era anche un’equipe medica di Oslo venuta per fare un’analisi approfondita su Myrna. Esami del sangue, esami cardiaci, test cutanei, un doppler a risonanza magnetica per comprendere la formazione delle ferite della Passione. Così come altri fedeli da Los Angeles, dalla Francia o dal Libano “, testimonia.
Una preghiera insegnata da Maria a Soufanieh: nel corso della quarta apparizione del 8 gennaio 1983, Myrna vede la Madonna piangere e riceve queste parole “« Je vous demande un mot que vous graverez dans votre mémoire, que vous répéterez toujours : “Dieu me sauve, Jésus m’éclaire, le Saint-Esprit est ma vie, c’est pourquoi je ne crains rien”. »
Soufanieh è oggi un evento che riveste un significato molto speciale in questo Oriente a maggioranza musulmana e in questa Siria a fuoco e sangue dal marzo 2011. Come Myrna ripete instancabilmente: “Il Signore ha fatto irruzione nella mia vita, io non ho paura e sono fiduciosa. Egli mi ha chiesto di pregare affinchè la Sua volontà si realizzi perché una nuova luce brillerà dall’Oriente e noi dobbiamo essere testimoni di questa luce “.
Riferimenti :
bibliografia: E. Zahlaoui, Soufanieh. Chronique des apparitions et manifestations de Jésus et de Marie à Damas (1982-1990), Paris, 1991 ; id.Souvenez-vous de Dieu. Messages de Jésus et de Marie à Soufanieh, Paris, 1991 ; id., « Soufanieh », DMEC, 2002, 738-741 

Ora pro Siria

Il pensiero politico di monsignor Giuseppe Nazzaro riguardo alla Siria

Il pensiero politico di monsignor Giuseppe Nazzaro riguardo alla Siria: una lettura storica politica della sua missione in terra araba

Benedetta Panchetti, ricercatrice presso Centro Universitario Cattolico – Relazione presentata al convegno in memoria di Padre Giuseppe Nazzaro o.f.m, a san Potito Ultra, il 5/11/2016

Saluto S.E. rev.ma mons. Francesco Marino, Vescovo di Avellino, le autorità presenti, il Parroco Don Antonio Vincenzo Paradiso, ed i familiari di Mons. Nazzaro che hanno organizzato questo convegno, donandomi l’onore e l’emozione di essere qui oggi a ricordare con voi un pastore umile e buono che, seguendo il carisma di San Francesco, ha speso la propria vita in Siria e più in generale nei paesi arabi, aderendo in modo appassionato ed intelligente alla missione di frate, sacerdote e poi Vescovo delle comunità latine.

Conobbi Mons. Nazzaro nel 2008, in occasione della realizzazione della mia tesi di laurea sulle comunità cristiane in Siria; lo contattai telefonicamente e lo raggiunsi a Roma timorosa per l’incontro col Vicario Apostolico di Aleppo. Fin dal primo incontro con la sua paterna attenzione al mio lavoro di giovane laureanda, ricca solo di studi teorici sul Medio Oriente, rimasi colpita dalla testimonianza di dedizione totale per il popolo che gli era stato affidato accompagnata da una profonda conoscenza di quelle realtà: la granitica certezza della propria Fede era criterio di conoscenza e dialogo tra quel mondo ed il nostro, nella consapevolezza quotidiana delle diversità esistenti.

Ciò si è reso ancora più evidente quando, scoppiata la guerra in Siria, sia prima ma soprattutto dopo la rinuncia al mandato episcopale nel 2013, come Vicario Apostolico emerito ha profuso tutte le proprie energie per andare ovunque lo chiamassero per comunicare la propria esperienza di sacerdote e Vescovo e descrivere con acutezza la realtà della Siria, della guerra, e del mondo arabo nel suo complesso. Tale testimonianza recava in sé una conoscenza frutto non di studi astratti, ma di decenni di vita vissuta tra l’Egitto, Israele e la Siria e di profonde relazioni umane ad ogni livello, culturale, sociale ed anche politico, avendo avuto modo di interagire con molti uomini di governo in questi paesi.

Personalmente avevo avuto modo di sperimentare quanto profonda fosse la sua conoscenza di questa parte di mondo già nel 2009, durante la mia permanenza in Siria al fine di redigere la mia tesi di laurea, che Sua Eccellenza diresse sul piano accademico con pazienza e competenza. Oltre a ciò, le numerosissime interviste rilasciate dal 2011 dopo lo scoppio della guerra in Siria mi hanno permesso di approfondire il suo giudizio su tale paese e sull’intera regione.

Nel susseguirsi di conferenze da lui tenute a partire dal 2001, sollecitato dalle numerose domande del pubblico presente, Sua Eccellenza non solo aveva modo di descrivere la Siria che egli aveva conosciuto, ma anche le origini più profonde dei fenomeni che oggi vediamo drammaticamente sulle prime pagine di tutti i giornali: lo Stato Islamico, i gruppi jihadisti, il fondamentalismo islamico, la fuga dei cristiani dal Medioriente, l’abbattimento di regimi dittatoriali attraverso massicce campagne belliche che, però, conducono al potere nuovi regimi incapaci di creare vere democrazie.

Sua Eccellenza non si tirava mai indietro e, partendo dalle sue esperienze in questi paesi, forniva sempre comparazioni tra l’Egitto, la Siria e anche l’Iraq, risalendo indietro in una porzione di storia spesso non conosciuta o dimenticata in Occidente.
Nella frequentazione con lui ho avuto modo di individuare alcuni temi a lui particolarmente cari, come elementi chiave per comprendere non solo la vita delle comunità latine che egli aveva nel tempo conosciuto ma in generale la vita di quei popoli.

Partendo, infatti, sempre dalla spiegazione delle condizioni di vita delle sue comunità, toccava immancabilmente la descrizione dei rapporti complessi e contradditori tra i paesi arabi e il mondo occidentale, inteso come Europa e Stati Uniti, e l’analisi, altrettanto complessa e contraddittoria, dei rapporti tra le minoranze cristiane e la maggioranza musulmana della popolazione di ognuno di questi paesi.

Tuttavia, soprattutto nel caso della Siria, non mancava mai di affrontare anche le problematiche e le sfide nelle relazioni tra le comunità cristiane ed il governo. Tale franchezza di giudizio talvolta ha causato fraintendimenti con chi aveva difficoltà ad accettare la sua coraggiosa e politicamente controcorrente descrizione dei fatti. Pur consapevole delle molteplici difficoltà, però, non ha mai smesso di parlare di questo aspetto.

1 I rapporti islamo- cristiani: fermezza nella fede, ecumenismo del quotidiano

Uno dei temi fondamentali del suo pensiero che emergeva in relazione al mondo arabo, ed alla Siria in particolare, era la necessità di un dialogo franco con i musulmani, che partisse dalla fermezza nell’affermazione dei principi della fede e dell’identità cristiana e dal rispetto di quelli della religione musulmana e delle sue autorità. Grazie alla profondissima conoscenza del Corano e dei testi religiosi islamici ha sempre potuto dialogare personalmente e liberamente, soprattutto nelle vesti di Vicario Apostolico ad Aleppo, con le autorità musulmane e con i semplici fedeli, affermando la necessità, da un lato, del rispetto dovuto alle comunità cristiane nelle diverse espressioni del proprio credo, e, dall’altro, del rafforzamento del dialogo quotidiano, tra amici, conoscenti, colleghi di lavoro e compagni di classe di fedi diverse.

In questo aspetto vedeva l’elemento più positivo e prezioso della società siriana degli ultimi anni: il periodico ripetersi di incontri con il gran Mufti della Repubblica e con altre autorità musulmane, la pacifica convivenza negli stessi villaggi o quartieri di cristiani e musulmani.
E questo sottolineava anche quando si riferiva all’Egitto, dove raccontava i grandi pericoli corsi dai cristiani durante la Presidenza di Morsi a causa degli attacchi contro chiese e case cristiane da parte di gruppi fondamentalisti islamici ma allo stesso tempo sottolineava anche i casi in cui semplici cittadini egiziani musulmani erano accorsi a protezione dei loro vicini cristiani.

Se già questa sua posizione lo poneva al centro di una delle tematiche più scottanti della nostra epoca, ancor di più ciò può essere rilevato quando affrontava il problema del rapporto con i governi.

2 I rapporti tra comunità cristiane e governi arabi

Anche in questo caso il centro del suo pensiero era la tutela della libertà della Chiesa, sia come istituzione cui doveva essere garantita la libertà di conservare e di trasmettere la fede pubblicamente sia come insieme del clero e dei fedeli, cui doveva essere riconosciuta la libertà di professare il proprio credo senza subire limitazioni nel godimento dei diritti umani, politici e sociali e discriminazioni nelle possibilità di accesso all’istruzione, al mondo del lavoro, alla pubblica amministrazione.

Per questo ricordava spesso le limitazioni vissute come parroco nell’Egitto del presidente Mubarak, quando la ristrutturazione o la nuova costruzione di una chiesa, formalmente permesso dalla legge, in pratica era reso impossibile dalle autorità statali che non concedevano i permessi necessari e i cristiani erano sistematicamente estromessi dalle cariche pubbliche più alte e dagli incarichi più prestigiosi nella pubblica amministrazione.

Allo stesso tempo, però, ha denunciato con forza il peggioramento delle condizioni di vita dei cristiani e di tutti gli egiziani quando nel 2012 le elezioni democratiche hanno portato al potere il primo presidente proveniente dal gruppo islamico fondamentalista dei Fratelli Musulmani.

Infatti, spesso ha indicato questo fallimento del processo democratico in Egitto come un esempio per il futuro della Siria, affermando che i siriani, soprattutto i cristiani ma anche i musulmani non fondamentalisti, avevano ben compreso quale effetto distorto possa avere il tentativo di formare un governo democratico secondo standard occidentali che però non tengono conto delle specificità storiche e sociali dei popoli del medio-oriente. L’analisi di quel periodo diventava nel suo pensiero una triste riproposizione dell’esempio dell’Iraq, anch’esso ben conosciuto dai siriani: in Egitto come in Iraq, sottolineava spesso Sua Eccellenza, la democrazia aveva portato al potere governi incapaci di tutelare la vita dei non musulmani, spesso oggetto di attentati contro le Chiese e i luoghi di ritrovo, colpiti anche con rapimenti e omicidi mirati.

Come affermato a durante la conferenza tenuta all’Università degli studi di Pisa nell’aprile 2015 con il professor Marcello Mollica e successivamente a Livorno, in una delle sue ultime interviste pochi mesi prima della morte, il popolo siriano aveva accolto fino al 2010 ben 1 milione di profughi iracheni, tra i quali moltissimi cristiani, fuggiti dal loro paese a causa della guerra iniziata nel 2003 e ad oggi mai veramente conclusa, che aveva avuto tra le prime conseguenze la nascita di innumerevoli gruppi armati islamici dediti al rapimento e all’uccisione di cristiani e al saccheggio delle loro case e chiese. Ben prima della nascita e dei successi militari dello stato islamico, infatti, i cristiani iracheni erano fuggiti da Baghdad e dall’Iraq, dopo l’uccisione di due vescovi cattolici e alcuni sacerdoti a Mosul ed il rapimento di decine e decine di laici.

3 La posizione sulla Siria

Proprio per questi motivi, avendo vissuto in Siria sia sotto il regime del Presidente Hafez al Assad sia sotto quello del figlio Bashar, ha sostenuto la necessità per l’Europa e l’America di supportare e incoraggiare le prime timide riforme economiche messe in atto da Bashar all’inizio della sua presidenza, nel 2010, nel corso della breve “Primavera di Damasco”. Pur consapevole della necessità che il regime implementasse alcune riforme politiche, si è opposto fino alla fine della sua vita all’idea che l’appoggio indiscriminato a formazioni di ribelli, finanziati da paesi esteri, fosse la strada per costruire una Siria ancora unita, democratica e pluralista.

Anzi, in virtù della conoscenza approfondita e di lungo periodo della realtà siriana, era ben cosciente degli antichi piani di divisione del paese, messi in atto per la prima volta dalla Francia nel 1920 e poi ripresi dalla Turchia e negli anni più recenti da Arabia Saudita e Qatar, come ben descrisse agli studenti delle facoltà di scienze politiche e giurisprudenza a Pisa nell’aprile 2015. Fin dal 2011 con grande amarezza e dolore constatò l’appoggio europeo e americano a quei gruppi di ribelli, armati dai paesi sunniti quali Arabia Saudita e Qatar e legati ad Al Qaida, che intendevano- ed intendono tutt’oggi- trasformare la Siria in uno stato islamico, dividendo il paese in aree omogenee religiosamente ed etnicamente.

Con la stessa amarezza e con altrettanta lucidità denunciò sempre anche le mire occidentali su quella parte di Siria nei cui sottosuolo si trovano giacimenti di gas e petrolio, e i piani del governo turco di trarre vantaggi commerciali dallo smantellamento del sistema industriale di Aleppo: oggi ne abbiamo le prove, grazie addirittura a fotografie aree che hanno ripreso ribelli jihadisti che hanno trafugato verso la Turchia i macchinari industriali un tempo ad Aleppo.

Il suo pensiero politico, complesso e articolato e per questo controcorrente rispetto alle semplificazioni di chi voleva individuare subito e definitivamente lo schieramento “dei buoni” da aiutare contro l’esercito dei cattivi, è stato talvolta ridotto ad uno schierarsi pro o contro il Presidente, senza valutare invece che egli aveva a cuore prima di tutto la tutela del diritto a vivere in un paese unito, non preda degli interessi corrotti di altri paesi, capace di dare un futuro ai suoi giovani, cristiani e musulmani, insieme, come insieme spesso vivevano, nel rispetto delle differenze religiose di ciascuno.

La necessità che fossero i siriani dall’interno del loro paese e senza l’imposizione di paesi stranieri a percorrere lo stretto e tortuoso cammino per la democratizzazione dello Stato gli era già risultato evidente nella primavera del 2013, quando, nell’imminenza della conclusione del suo mandato episcopale, sfidò i vari gruppi armati già presenti nella valle dell’Oronte, tra Aleppo ed il confine turco, e effettuò la sua ultima visita pastorale in villaggi in cui ormai quasi tutta la popolazione cristiana era fuggita. Ha visto la valle dei cristiani di san Paolo vivere l’esodo delle sue comunità più antiche, scacciate da milizie straniere.

Eppure, già preoccupato per il suo popolo costretto a andare a cercare l’acqua potabile nei pozzi delle parrocchie e privo di elettricità, deluso dall’Europa e dagli USA che appoggiavano chiunque incrementasse il conflitto invece di spendersi per serie e concrete trattative diplomatiche di pace, riuscì a passare indenne le linee del fronte a nord di Aleppo e a portare per l’ultima volta la propria testimonianza di fede in Cristo a quella parte di gregge che non aveva voluto abbandonare i propri villaggi nemmeno quando i ribelli avevano trasformato in stalla la Chiesa greco-ortodossa di uno di questi luoghi.

La sua lucida analisi politica sulla Siria ed anche sull’esportazione della democrazia con le armi e sulla necessità dell’effettiva tutela dei diritti delle minoranze religiose nei paesi arabi sono oggi condivise da molti di coloro che hanno a cuore il popolo siriano ed i popoli vicini più che tornaconti politici.

Ritengo che oggi del suo pensiero politico rimanga, infatti, la certezza che la tutela dei diritti delle minoranze religiose sia una sfida importante per tutti i paesi arabi e che se essa da sola evidentemente non basta per definire uno Stato come democratico, come nel caso siriano, è altrettanto vero che senza di essa nessuno Stato può essere definito democratico.

In particolare, appare sempre più necessaria per la vera pacificazione di questa area di mondo la sua posizione di franchezza e di fermezza nel dialogo con le autorità religiose islamiche e con quelle civili, il rifiuto del principio politico del sovvertimento armato di qualsiasi Stato e l’incessante richiamo all’implementazione di qualsiasi forma di trattative diplomatiche tra i diversi attori politici.
Oggi che la splendida città di Aleppo vive i suoi mesi più drammatici la sua lucidità e lungimiranza politica si aggiungono ai molti motivi che acuiscono la mancanza della sua persona.

Lettera di Aleppo n. 33: la Siria dimenticata

 Aleppo, 1 luglio 2018
Le notizie dalla Siria sono state accantonate dall’attualità. Il trasferimento dell’ambasciata americana a Gerusalemme, la tragedia dei migranti, le elezioni in alcuni paesi europei, il vertice Trump/Kim-Jong-Un, e la coppa del mondo di calcio sono state, dopo la nostra ultima lettera, la notizia in evidenza per i giornali e i media. Tuttavia, la situazione in Siria continua ad essere molto preoccupante e noi viviamo su un barile di dinamite. Gli interventi o la presenza di alcuni Paesi sul terreno rendono la situazione molto complessa, il futuro incerto, i negoziati compromessi e aumentano il rischio di una conflagrazione regionale. Gli Stati Uniti con due basi militari e la Francia, illegalmente installati sul territorio di uno Stato sovrano, sono presenti a nord-Est per sostenere le forze curde che occupano buona parte del territorio. Dall’altra parte, alla fine del gennaio 2018 la Turchia ha invaso il nord-Ovest della Siria per cacciare i gruppi armati curdi ed ora occupa tutta la regione di Afrin. Infine, Israele esegue in totale impunità incursioni aeree sul territorio siriano e sostiene i jihadisti del sud della Siria. Lo stato siriano ha appena lanciato un’offensiva per cacciare gli ultimi gruppi armati ribelli dal sud della Siria, della Regione di Dara’a.
In seguito all’invasione turca della regione di Afrin, 27.000 famiglie composte da 137.000 persone sono fuggite dalle loro città e villaggi. Non hanno portato niente con sè: solo i vestiti che indossavano. Hanno perso tutto: la loro casa, il loro trattore, il loro bestiame, la loro auto… si sono insediati in 11 villaggi e in diversi accampamenti di tende, tra cui «il Campo Shahba», intorno alla piccola città di Tel-Rifaat a 25 km. da Aleppo. Noi, i Maristi blu, non potevamo rimanere indifferenti alle sofferenze di questi nuovi sfollati; abbiamo sentito il loro appello al soccorso (il nostro gruppo non si chiamava forse “L’ Orecchio di Dio” prima che diventassimo i Maristi Blu?). Dopo un periodo di esitazione e di riflessione, temendo per la vita dei nostri volontari, (le forze turche sono a 4-5 km. da Tel-Rifaat), abbiamo deciso di agire: di andare loro incontro, di provare a provvedere ai loro bisogni, di occuparci dei loro figli non scolarizzati, di farci solidali con queste famiglie. E così abbiamo iniziato il progetto e l’avventura “Campo Shahba”.
Con la collaborazione della Mezzaluna Rossa Siriana abbiamo preso in carico le 650 famiglie del villaggio di Kafar Nasseh e soprattutto il Campo Shahba, un campo di 107 tende per 107 famiglie, situato in una pianura nel deserto:
450 bambini che aspettano con impazienza e tanta gioia le nostre visite del mercoledì e della domenica, che ci aspettano all’ingresso del campo e che si riuniscono, in 2 minuti, intorno a noi e ai nostri volontari che li fanno giocare al pallone, disegnare e colorare, ballare, che li educano all’igiene e insegnano loro le basi della scrittura e del calcolo;
110 madri o nonne sono diventate le amiche delle nostre dame volontarie che le riuniscono per ascoltarle, condividere, e consigliarle;
107 famiglie che ci aspettano per avere pacchi alimentari e sanitari, fornelli a gas per la cucina, thermos per conservare l’acqua potabile, pastiglie per sterilizzare l’acqua, ciabatte, vestiti….
Tutto si fa all’aperto, sotto un sole cocente, con 38-40 gradi all’ombra. Abbiamo appena installato una grande tenda, che funge da spazio organizzativo per gli incontri con i bambini e le donne, almeno all’ombra.
Ci andiamo almeno 2 volte a settimana; un’ora e mezza di tragitto e molteplici check-points da attraversare; i 15-20 volontari ad ogni visita sono attesi con il sorriso e la gioia, tanta gratitudine e anche molta attesa. Gli sfollati sono disperati: vogliono tornare a casa o andare ad Aleppo, ma le 2 opzioni sono loro vietate.
Ad Aleppo, la situazione di sicurezza era molto buona dopo l’evacuazione dei gruppi armati e la liberazione di Aleppo dai terroristi di al Nusra. Tuttavia, i mortai lanciati dai ribelli installati ad ovest di Aleppo continuano a cadere quotidianamente su alcuni quartieri periferici. Il 27 giugno abbiamo vissuto la giornata peggiore da 18 mesi: molte granate sono cadute su Aleppo, nei quartieri residenziali, facendo molti morti e feriti. Le schegge hanno persino raggiunto i nostri locali. Uno dei nostri volontari ci ha quasi lasciato la vita.
La vita quotidiana migliora progressivamente con il ripristino dell’erogazione di acqua ed elettricità, anche se razionate, la disponibilità sul mercato di prodotti e merci. Per contro, la situazione economica è ai livelli infimi; il tasso di disoccupazione è molto elevato, il costo della vita è altissimo, i salari sono talmente bassi da non permettere ad una famiglia di vivere degnamente, e gli aleppini, che hanno i mezzi per investire e che erano fuggiti dal paese, non sono tornati. La maggior parte delle famiglie di Aleppo ha sempre bisogno di essere aiutata per vivere e sopravvivere.
Noi Maristi Blu, abbiamo mantenuto la distribuzione dei panieri alimentari e sanitari alle famiglie che abbiamo in carico, ma riteniamo che dopo 6 anni di aiuto queste distribuzioni, un giorno, dovranno fermarsi. Crediamo che la priorità delle priorità sia trovare un lavoro ad ogni persona aiutata. Lavorando, potrà farsi carico dei propri bisogni; essere finalmente indipendente dagli aiuti ricevuti per anni; vivere dignitosamente del proprio lavoro e non pensare più di lasciare il Paese.
Così abbiamo creato il nostro programma “i micro-progetti”: Abbiamo già organizzato 7 sessioni di formazione con 16-20 adulti per sessione. Gli esperti insegnano in 48 ore “come creare il proprio progetto”. Alla fine delle sessioni, i candidati presentano i loro progetti alla giuria che li valuta, fornisce i consigli necessari e sceglie i migliori progetti in termini di fattibilità, redditività e sostenibilità per essere finanziati da noi. Da un anno e mezzo abbiamo già finanziato 50 progetti e permesso a più di 90 famiglie di vivere del loro lavoro.
Il nostro progetto “Heart Made”, dove le donne trasformano abiti fuori moda in pezzi unici molto apprezzati, dà lavoro a 11 madri di famiglia.
Il nostro altro progetto “Marie” per la confezione di indumenti di cotone per neonati fa vivere 24 famiglie.
Vi avevamo annunciato, nell’ultima lettera, la prossima pubblicazione della nostra opera, “Le Lettere di Aleppo”. Si tratta di una raccolta di tutte le nostre lettere scritte dall’inizio della guerra da frère Georges e me, arricchito di estratti d’interviste, di articoli di stampa e testi scritti dall’ uno o dall’altro. La nostra opera è stata finalmente pubblicata dalle edizioni “L’Harmattan”. Potete acquistarlo o ordinarlo nelle librerie o online sui siti della FNAC, Amazon o l’Harmattan. Vi invitiamo ad acquistarlo, a leggerlo o a regalarlo; ci auguriamo che la nostra testimonianza possa raggiungere il maggior numero di persone possibile; il giornale “La Croix” l’ha appena selezionato tra i quattro libri, sul Medio Oriente, che bisogna assolutamente leggere quest’estate (La Croix, supplemento di giovedì 28 giugno).
Tutti i nostri progetti continuano grazie alla vostra solidarietà e ai vostri doni. L’aiuto all’alloggio delle famiglie sfollate, la distribuzione dei panieri alimentari e sanitari, la distribuzione mensile di latte a 3000 lattanti e bambini di età inferiore ai 11 anni…. e soprattutto il nostro programma medico che con il progetto “Camp Shahba” e il programma “Micro-progetti” citati in precedenza, è uno dei 3 programmi prioritari dei Maristi Blu. Sì, la gente ha bisogno di sostegno finanziario per le cure mediche o i loro interventi chirurgici e il nostro dovere è di aiutarli.
Riguardo poi ai nostri progetti educativi, alcuni sono in pausa estiva come “Imparare a crescere” e “Voglio imparare” per i bambini dai 3 ai 7 anni.
Il “MIT” (per la formazione degli adulti), “Skill school” (per l’accompagnamento degli adolescenti), “L’ eradicazione dell’analfabetismo”, l’insegnamento del cucito (taglio e cucito) e delle lingue (Progetto Speranza), proseguono i loro compiti pedagogici. Abbiamo appena concluso un ciclo di sessioni di 4 mesi per la “formazione e lo sviluppo della donna”. 80 donne di età superiore ai 30 anni e 80 ragazze di età inferiore ai 30 anni, ne hanno beneficiato. Dopo una pausa in luglio e agosto, speriamo che il ciclo riprenda con altri beneficiari. Nel frattempo organizziamo incontri di formazione e di accompagnamento per le ragazze che hanno tra i 12 e i 15 anni.
Ecco, in breve, le nostre notizie. Proseguiamo la nostra missione, che consiste nel “vivere la solidarietà con i più poveri per alleviarne le sofferenze, sviluppare l’umano e seminare la speranza. “
Spero che questa “lettera di Aleppo n. 33” vi troverà, cari amici, in buona salute e vi auguro buone vacanze estive.
Nabil Antaki, per i Maristi Blu

PER SOSTENERE IL PROGETTO ‘EMERGENZA SFOLLATI DI AFRIN’ , la ONLUS ITALIANA AIULAS IN COLLABORAZIONE CON I MARISTI BLU DI ALEPPO promuove una raccolta di fondi destinati all’acquisto di beni di prima necessità per le famiglie sfollate da Afrin che vivono nel Campo Shahba . Qui il link per tutti i dettagli su come inviare un contributo :
https://www.aiulas.org/i-nostri-progetti/emergenza-sfollati-di-afrin/

Ora pro Siria

Pulizia etnica e persecuzione di Yazidi e Cristiani ad Afrin, Siria nord-occidentale

Estratto dal Report di un gruppo di missionari umanitari (FBR) che si recano in Siria per fornire assistenza medica e altri aiuti umanitari, costruire parchi giochi in aree precedentemente occupate dall’ISIS e condividere l’amore di Gesù. 
Si tratta di una squadra di 17 persone; cinque medici e operatori originari della Birmania, tre volontari americani,  coordinatori curdi, iracheni e siriani e una famiglia. Entrati in Siria dall’Iraq, si sono recati a Raqqa, Tabqa, Deir ez-Zor, Ayn Issa, Membij, Kobani, Qamishli, Tel Tamir, Hasakah e le aree circostanti.
Nel gennaio 2018, l’Esercito Turco, insieme a elementi dell’Esercito Libero Siriano (FSA) che in quest’area sono composti da gruppi musulmani radicali e da alcuni resti dell’ISIS, ha lanciato una campagna aerea e terrestre dalla Turchia contro la città e l’area di Afrin, una delle poche zone pacifiche della Siria. I curdi avevano tenuto a bada l’ISIS durante tutta la guerra e Afrin, che storicamente era per l’80% curda con un’antica popolazione cristiana e Yazidi, era diventata un rifugio per migliaia di fuggitivi curdi e arabi di diversi gruppi e fedi. La Turchia ora sta procedendo ad una pulizia etnica di proporzioni enormi in Afrin. Il governo turco ha condotto questo assalto per annientare i curdi delle YPG e bloccare il loro accesso al Mar Mediterraneo. Considera i curdi una minaccia alla sicurezza turca e non ha avuto riguardo per i Cristiani o gli Yazidi. Il governo turco sostiene anche l’FSA contro il governo siriano ed Afrin è diventata una base per l’FSA. Un nuovo regno di terrore è sceso su Afrin.
Attacchi congiunti di turchi e FSA hanno spazzato via oltre 200.000 curdi, oltre a 35.000 Yazidi e 3.000 Cristiani dai loro villaggi e città. Le loro case sono state espropriate da migliaia di islamisti radicali portati dalla Siria meridionale e occidentale, che sono stati a loro volta cacciati dalle loro posizioni dall’Esercito Siriano. Anche gli abitanti Musulmani originari che non si sono sottomessi alla legge della Sharia e all’FSA hanno dovuto fuggire. Dalle interviste, l’unica chiesa nella città di Afrin è stata saccheggiata, bruciata all’interno e poi occupata da due fazioni di miliziani.
Cristiani fuggiti da Afrin
A Kobane e in una nuova chiesa cristiana di 20 credenti, abbiamo incontrato due famiglie cristiane che sono fuggite da Afrin quando l’FSA e l’esercito turco l’hanno invasa. Dopo il servizio di culto, abbiamo parlato con i Cristiani di Afrin, una madre e suo figlio di 18 anni, Baran, suo genero e sua figlia incinta. Erano fuggiti da Afrin appena l’FSA e i Turchi avevano assalito la città e la regione, uscendo e salvando a malapena le loro vite. La madre ci ha detto che c’erano più di 3000 Cristiani che vivevano ad Afrin, ma adesso quasi tutti sono fuggiti. Conosce solo due persone rimaste: suo marito che era troppo malato per camminare e un altro uomo ferito durante gli attacchi.
Mentre tratteneva le lacrime, raccontava: “Sono cristiana. Mio marito era troppo malato per uscire e fuggire [con noi] e ora si nasconde in Afrin. Ho solo mio figlio e mia figlia rimasti con me e nient’altro al mondo. Potete aiutarci? Grazie per essere venuti a trovarci e per l’aiuto che ci avete dato. Preghiamo con voi per la risposta di Dio e confidiamo in Lui.”
L’FSA e i Turchi hanno invaso Afrin in una serie brutale di attacchi di fanteria, sostenuti da artiglieria, elicotteri da combattimento e jet-caccia. Centinaia di civili sono stati uccisi e case distrutte. Molte delle forze curde YPG sono state uccise e gli altri costretti a ritirarsi. L’FSA e i turchi hanno circondato, uccidendo e saccheggiando. Le persone hanno cercato di fuggire.
“I nostri peggiori timori sono stati confermati quando è stata instaurata la legge della Sharia, le case saccheggiate e le persone che hanno resistito messe a morte. Noi Cristiani e la maggior parte dei 35.000 Yazidi siamo fuggiti, temendo un annientamento simile a quello avvenuto a Sinjar, in Iraq “, ha continuato la madre. Ha continuato poi raccontandoci come una donna sia stata catturata dall’FSA, violentata e poi uccisa e un video poi inviato al marito della donna.
“Anche mia nipote, una bambina piccola è stata uccisa”, ci ha detto. “Il suo nome era Riven Khandofan Hamdoush ed è stata uccisa vicino a noi nel villaggio di Kafarganeh. Il villaggio si trova ai margini della città di Afrin. Il 27 aprile 2018, quando la piccola giocava per strada, fu uccisa a colpi di arma da fuoco quando le fazioni islamiche litigavano tra loro sulla proprietà. Ecco la sua foto.” “Siamo molto tristi e ci sentiamo senza speranza, ma rimaniamo vicini a Gesù e mettiamo la nostra speranza in Lui. Io ero musulmana, ma quattro anni fa mi sono stancata e ho chiesto a Gesù di aiutarmi. La maggior parte della mia famiglia è ancora musulmana ma questo non li ha risparmiati dagli attacchi. Mia nipote che è stata uccisa era musulmana con genitori musulmani”.
Militanti del FSA nelle loro posizioni a nord di Manbij.
La chiesa del “Buon Pastore” in Afrin
Il figlio Baran ha continuato raccontandoci della chiesa di Afrin: “La Chiesa del Buon Pastore è stata occupata dall’FSA e dall’esercito turco. Le fazioni armate dell’occupazione turca combatterono tra loro per il controllo e la confisca della chiesa. I combattimenti che hanno avuto luogo tra le due fazioni di “Sultan Murad” e l'”Esercito dell’Est” si sono conclusi con un accordo tra le due parti sulla spartizione dell’edificio della chiesa e degli edifici circostanti e dei suoi beni. Hanno bruciato l’interno della chiesa e hanno scritto i nomi delle loro fazioni sui muri esterni. Prima dell’arrivo dell’FSA e dei turchi, oltre 250 famiglie cristiane erano ancora nel centro della città di Afrin e nei villaggi circostanti. Prima che Afrin fosse sopraffatto, il prete della chiesa, il Rev. Valentin Hanan, ha rilasciato una dichiarazione angosciata alla comunità internazionale dopo l’inizio dell’attacco turco ad Afrin. Ha chiesto l’urgente protezione internazionale dei credenti in Afrin e la cessazione dei bombardamenti turchi. Ha detto: “In questo momento siamo sottoposti a pesanti bombardamenti e le fazioni islamiche promettono di entrare nella regione e noi come chiesa chiediamo anzitutto al Signore la protezione e poi ai fratelli di pregare e aiutarci”.
Dei circa 3.000 Cristiani nell’area di Afrin, il reverendo Hanan ha detto che c’erano 190 famiglie nel centro della città di Afrin, 45 famiglie nella zona di Gendressa e 15 famiglie nella zona di Maabtli. Ora che l’occupazione è completa, non sono rimasti quasi più Cristiani. “
Gli Yazidi di Afrin raccontano gli orrori che hanno affrontato.
In questa missione di soccorso, abbiamo incontrato alcuni degli Yazidi che erano fuggiti da Afrin quando l’FSA e i turchi hanno attaccato. C’erano 68 famiglie che vivevano tra le macerie di un villaggio cristiano abbandonato vicino a Tel Tamir. La chiesa, una volta magnifica, è stata distrutta dall’ISIS e tutti i Cristiani sono spariti. Una volta che l’ISIS è stato sconfitto qui l’anno scorso, ai Cristiani proprietari di edifici, molti dei quali sono attualmente fuori dalla Siria, è stato chiesto se gli Yazidi potessero rimanere nelle loro case. Hanno risposto che gli Yazidi erano benvenuti nel villaggio e così gli Yazidi si sono trasferiti, scegliendo tra le case meglio conservate, rattoppando buchi nei tetti e nei muri.
Uno degli uomini Yazidi ci ha detto: “Non c’è modo di rimanere di nuovo in Afrin. L’FSA ha fatto sapere che ci avrebbero fatto lo stesso che è stato fatto dall’ISIS al popolo Yazidi di Sinjar. Avrebbero ucciso tutti gli uomini e schiavizzato le donne. Abbiamo dovuto fuggire. Perché nessuno ci ha aiutato? Non sono state sufficienti le morti di migliaia di Yazidi a Sinjar e in altre parti dell’Iraq? Dov’era l’America? Dov’era il mondo? Abbiamo perso tutto e non possiamo tornare indietro. Migliaia di musulmani provenienti dall’esterno dell’area vi si sono installati e ci hanno preso casa e terra. Cosa ne sarà di noi? “
Avevamo i cuori spezzati e annuimmo con simpatia. Poi uno degli uomini Yazidi disse: “Questo potrebbe farti arrabbiare, ma dovresti sapere che noi tutti incolpiamo l’America per questo”. Ho pregato per capire come rispondergli e ho detto: “L’America non ha fatto questo. Non dobbiamo incolparla degli attacchi e delle vostre perdite.”   L’uomo aprì la bocca per rispondere ma io continuai: “Ma dobbiamo incolparla di non averli fermati, mentre avremmo potuto farlo. Lo abbiamo lasciato accadere e non abbiamo fatto nulla per fermare l’FSA e i Turchi. Non abbiamo dato l’aiuto necessario alle persone che sono fuggite. Mi dispiace molto. Per favore perdonaci e prega per noi. L’America non è Dio né è il diavolo. Siamo persone. Le persone non possono risolvere ogni problema, ma possiamo rispondere a quelli che abbiamo di fronte come possiamo. L’America è in Siria, sarebbe stata in grado di aiutare e non l’ha fatto. Mi dispiace. Per favore prega che il Governo Americano cambi le sue idee e vi aiuti. Ci sono molti in America che vi hanno a cuore e siamo stati mandati qui da loro “.
Potevo sentire il dolore che queste persone provavano e l’evidente disperazione della situazione. Potevo vedere il dolore nei loro occhi.
La disperazione e l’impotenza non possono peggiorare più di così. Non dimenticherò mai le lacrime della donna Yazida che mi ha parlato dei suoi ulivi. Era stata un’ingegnere civile di successo e quando i suoi tre figli crebbero e divennero indipendenti, iniziò la sua fattoria di olio d’oliva. Mi ha raccontato di come i suoi alberi fossero come i suoi figli. Mi ha detto del dolore che stava provando. I suoi alberi si sentivano come suoi figli e così quando è fuggita le sembrava che stesse abbandonando i suoi figli a essere incendiati e ridotti in cenere. Il mondo non ha fatto nulla per salvare i suoi alberi. E non ha fatto nulla per salvare lei o i suoi figli ….
Dave, famiglia e squadre.

Ora pro Siria

L’Archimandrita padre Dottor Chihade Abboud nuovo rettore della Basilica di Santa Maria in Cosmedin

Il sito del Vicariato della Diocesi di Roma informa che il sacerdote siriano damasceno Padre Chihade Abboud, del Patriarcato di Antiochia dei Greco-Melkiti, il 23 maggio 2018 è stato nominato Rettore della Basilica Cattolica di Santa Maria in Cosmedin,  officiata in Rito Orientale Bizantino Greco-Melkita.

Padre Chihade Abboud è nato il 21 Ottobre 1978 in Jdaydet Artouz (Siria). 

Entrato nel seminario minore nel 1990 a Damasco, ha in seguito frequentato il seminario maggiore dal 1996 in Libano.
Ha completato i suoi studi in filosofia e teologia presso l’Istituto di St. Paul per la Filosofia e la Teologia a Harissa in Libano.
Ordinato dall’Arcivescovo Isidoro diacono nella Cattedrale di Nostra Signora Al-niah il 9 Maggio 2004, e sacerdote da Sua Beatitudine il Patriarca Gregorio III Laham il 2 luglio 2004 nella sua città natale di Jdaydet Artouz.  Nominato parroco di Nostra Signora della Pace in Harasta. 
Inviato a specializzarsi in materia di diritto canonico della Chiesa latina, ha conseguito la laurea presso l’Istituto San Pio X a Venezia, associata con l’Università della Santa Croce a Roma, ha ottenuto il titolo di dottorato in Diritto Canonico presso la Pontificia Università Lateranense in Roma.
Ha svolto l’incarico di Giudice presso il Tribunale Ecclesiastico e di Segretario della Conferenza Episcopale Siriana fino al 19 maggio 2018, quando è stato elevato al rango di Archimandrita da Sua Beatitudine Youssef Absi Patriarca della Chiesa Cattolica Greco-Melkita.

Che Dio benedica il ministero di Padre Chihade Abboud! 

Ora pro Siria

Il 7 luglio, il Papa e i Patriarchi Orientali a Bari per la pace nel Medio Oriente

Sabato 7 luglio papa Francesco si recherà a Bari per una giornata di riflessione e preghiera sulla situazione drammatica del Medio Oriente, un incontro ecumenico per la pace al quale sono invitati i capi di Chiese e Comunità cristiane di quella regione. Un evento che il Pontefice esorta a preparare con la preghiera di tutte le comunità cristiane.
A Bari il Papa sarà accolto da monsignor Francesco Cacucci, arcivescovo di Bari-Bitonto, e dalle autorità civili. Nella basilica pontificia di San Nicola l’incontro con i Patriarchi, insieme ai quali scenderà nella cripta per la venerazione delle reliquie di San Nicola e l’accensione della lampada uniflamma. Successivamente il Papa e i Patriarchi raggiungeranno la “Rotonda” sul Lungomare, dove incomincerà l’incontro di preghiera comune; al termine ritorno alla basilica per un dialogo a porte chiuse.
«Vedo il Papa respirare la sofferenza del mondo sin dall’inizio del pontificato. Quindi questo convocare il 7 luglio i patriarchi delle Chiese cattoliche e ortodosse del Medio Oriente, a Bari, è un gesto di grande sensibilità, un portare la sofferenza del mondo sulle sue spalle, in particolare quella della Siria, dell’Iraq e del Medio Oriente – così il cardinale Leonardo Sandri, prefetto della Congregazione per le Chiese Orientali, in un’intervista rilasciata a Vatican News -. Il Papa vuole essere accompagnato da tutti i capi delle Chiese per pregare il Signore, insieme, come fratelli e, nello stesso tempo, per manifestare al mondo questa sofferenza».  Secondo il Cardinale, con questa iniziativa Francesco intende «chiamare tutti alla giustizia, alla pace, al rispetto della dignità della persona umana e, in particolare, alla difesa dei cristiani, di quelli perseguitati e di quelli che vivono in questo ambiente tremendo di bombardamenti quotidiani, di uccisioni, di terrorismo, di vendette e separazioni». 
Sempre Sandri ha recentemente auspicato: «Prepariamo il cuore rivolgendo la supplica a Dio affinché l’incontro del prossimo 7 luglio a Bari per riflettere e impetrare dal Signore una nuova stagione di riconciliazione e prosperità per il Medio Oriente possa essere un segno come un arcobaleno di pace».

Ora pro Siria

Le Monache Trappiste e il compito della ‘nuova Siria’

Incontriamo suor Marta, superiora delle Monache Trappiste di Azeir, durante la breve visita che sta svolgendo in Italia alla Comunità ‘madre’ di Valserena nel giugno 2018
OraProSiria: Suor Marta, ci racconti come sta andando avanti la vostra presenza, quello che avete costruito, quali sono i vostri progetti, desideri, e lo sguardo che ha su di voi la gente che incontrate ogni giorno..
E poi ciò che voi intravvedete come necessità di questo popolo, in questo che appare sempre più come uno scenario che va verso la fine della guerra, quello che a voi sembra importante in questa fase di fine conflitto sia dal punto di vista della Chiesa che dal punto di vista della società. Quindi quale può essere ora il vostro compito sia come religiosi che come Chiesa locale?
Suor Marta: quello che noi viviamo giorno dopo giorno è proprio la presenza, cioè l’essere lì. Siamo molto contente perché gli ospiti arrivano sempre più numerosi, si passano la voce gli uni con gli altri e quindi poco a poco, pur secondo le nostre limitate possibilità di accoglienza che non sono enormi, vediamo che le persone che vengono al monastero trovano un luogo di riposo, di incontro e anche di riflessione. E in questo momento per la Siria è in atto un cambiamento, non voglio parlare delle ingerenze esterne e delle pressioni ai confini che permangono a motivo delle varie situazioni internazionali, però all’interno la Siria si sta stabilizzando, lo Stato siriano sta ritrovando la sua unità: anche il fatto che si possa andare in macchina da Damasco ad Aleppo dice molto di questa normalizzazione.
È chiaro che dobbiamo fare i conti con tutta la distruzione che si è creata, le sanzioni internazionali che ci soffocano, la mancanza di materie prime e di scambi, e quindi si vive una grande privazione, molto bisogno materiale, ma noi sentiamo che dentro questo pesante bisogno la gente ha un bisogno spirituale, spirituale in senso lato cioè come tempo dello spirito e di preghiera, di ritrovare una motivazione profonda alla dimensione umana ferita che questa guerra atroce ha creato, come umiliazione e poco rispetto della persona. Tutto questo chiede delle risposte, chiede una riflessione su cosa vuol dire essere uomini, essere credenti, di qualunque fede si sia. Mi sembra che oggi in Siria questo sia uno dei compiti più importanti: che senso ha costruire LA’ un uomo!
Ma non solo: costruire INSIEME questa umanità che vogliamo vivere: questo non si riduce solo alla possibilità pur importante di studiare, lavorare, di un progresso economico e sociale, ma anche di un umanesimo che può attingere a un patrimonio immenso di cultura e di tradizione, che, anche se è stato distrutto nell’immagine e nel patrimonio storico-artistico, riguarda per lo più la distruzione delle pietre; però l’anima e la cultura che sono alla radice della Siria, continuano ad essere delle fonti preziose per questo umanesimo.
Da parte nostra la cosa importante per ora è l’accoglienza, che come dicevo si sta ampliando, anche se abbiamo ancora da costruire il nostro monastero, e questo è importante perché la nostra spiritualità non è una spiritualità solo di idee ma è incarnata: restare in un posto vuol dire anche investire sugli spazi, sui tempi, sul lavoro. Solo questo investire su una progettualità rende possibile pensare al futuro, alla ricostruzione. Così adesso è la Siria: alcune persone che tornano, piccole iniziative di lavoro, realtà di collaborazione che si stanno creando pur passando attraverso faticosi cammini di riconciliazione. Per questo occorre investire molto su una progettualità di pensiero. In questo le Chiese e i cristiani hanno un grosso compito, che è il loro proprio compito, di stimolare un pensiero e una coscienza di senso.
OPS: Perché è importante che i Cristiani non se ne vadano, come continuano a chiedere i Vescovi Siriani? Cosa convince un Cristiano a giocare la sua permanenza in un paese come la Siria o come altri paesi del Medio Oriente che stanno vedendo invece un esodo massiccio?
Suor Marta: Sì, potrebbe sembrare disumano chiedere alle famiglie cristiane di restare, perché di prospettive di lavoro, di carriere appaganti, di successo, non se ne vedono. Occorre essere chiari: non si può rimproverare nessuno per le scelte che fa; è comprensibilissima la preoccupazione di un genitore per i propri figli. Di solito è il pensiero del loro avvenire la molla che spinge ad andarsene, più che un egoismo personale, è proprio il cercare un futuro per i propri figli che è una cosa rispettabilissima. Allo stesso tempo i Cristiani sono di fatto l’anello che permette in molte situazioni la riconciliazione, sì, i Cristiani sono l’anello di congiunzione nella grossa divisione che si è creata a livello confessionale nella società siriana. Quindi questo è il primo fattore importante di cui i Cristiani sono portatori. Ma soprattutto, non è disumano chiedere di restare: tutto dipende dal tipo di umanità che vogliamo realizzare; se noi pensiamo che non solo in Siria ma in tutto il mondo oggi c’è una grossa battaglia che si gioca rispetto a una umanità nuova, che sia radicata su ciò che rende veramente uomini. È quello che chiediamo ai nostri giovani: “cosa vi impedisce di essere veramente uomini e donne qui in Siria?”. Anzi, forse la povertà di mezzi ci stimola a riscoprire i valori veri di un’umanità non come un fatto emotivo, una voglia, uno slancio al ‘vogliamoci bene’, ma la capacità di generare un tipo umano con un pensiero, una consapevolezza di ciò di cui consiste veramente l’uomo. Noi in Occidente abbiamo ridotto il lavoro al guadagno, alla sicurezza e alla molteplicità delle esperienze; mentre il lavoro è la prima espressione dell’uomo che si mette alla prova, si conosce e si sperimenta nei propri limiti e nelle proprie possibilità, s’inventa e crea. Possiamo restare, se crediamo che è possibile fare un’esperienza dell’umano come ciò che veramente realizza, perché la domanda vera è: che cosa realizza realmente la persona?
OPS: Oggi si ha molta paura del fondamentalismo che sembra sempre più pervadere il mondo islamico. Il popolo siriano ha la possibilità di resistere al virus del fanatismo?
Suor Marta: Credo proprio di sì, nella misura in cui ascolta l’esperienza che ha fatto, Oggi in tanti siriani c’è una sorta di stupore nel constatare una diffusione del fondamentalismo che non si credeva così forte nella sua propagazione, perché al di là del fondamentalismo organizzato dal paesi stranieri c’è qualcosa che ha attecchito anche nel pensiero di alcune persone e questa è la cosa che spaventa di più. Però quest’esperienza ha posto anche molti interrogativi: noi conosciamo molte persone che di fronte alla loro stessa fede nell’Islam si sono poste molte domande e quindi cercano ora un modo vero di vivere la loro fede, un modo più tollerante, un modo che è comunque aperto ad altre esperienze; certo non bisogna darlo per scontato, bisogna lavorare, bisogna dialogare, bisogna non avere paura di creare spazi di riflessione. Non è automatico ma io vedo che c’è una volontà, un desiderio di andare al fondo del vivere insieme quella diversità che ha caratterizzato questo paese, non bisogna però darlo per scontato, bisogna trovare il modo di lavorarci e farlo crescere.
OPS: Per quanto sperimentate voi, il governo siriano ha mantenuto quella sua tipica laicità che lo ha reso per decenni un’esperienza di convivenza particolare, quella per cui ancor più oggi si auspica che anche nella nuova Costituzione sia sempre più chiara la distinzione tra religione e forma di governo?
Suor Marta: Noi fin da quando siamo arrivate abbiamo sperimentato questa caratteristica della Siria: prima di tutto si è Siriani, la religione è un’altra cosa. E questa è una linea che permane, che noi sentiamo e che viene portata avanti: certo ora occorre fare i conti con le fratture che si sono create, perché purtroppo questa guerra ha minato questa coscienza dell’essere insieme, però questa coscienza dell’essere anzitutto Siriani non è stata distrutta, e il governo sta lavorando in questo senso, così come tutte le persone di tutte le religioni impegnate in un’ottica di ricostruzione sociale sono impegnate in questa direzione.

Ora pro Siria

I religiosi siriani: la vera opera umanitaria, oggi, sarebbe aiutare i siriani a tornare in patria, non a lasciarla.

Per svuotare la Siria una politica pro immigrazione

di Fulvio Scaglione

Visto da Aleppo, la città-martire della Siria che in quattro anni di assedio da parte dell’esercito islamista ha perso per emigrazione (interna alla Siria o verso l’estero) più di metà dei 4,6 milioni di abitanti che aveva prima della guerra, il dibattito europeo sull’immigrazione pare al tempo stesso ingenuo, ipocrita e, ma questa non è una novità, inconcludente.

Per quanta retorica si possa fare, infatti, i migranti non sono tutti uguali, nemmeno agli occhi di coloro che sono più disposti ad accoglierli. E questa dura legge sembra essere applicata, per quanto paradossale possa sembrare, soprattutto ai richiedenti asilo e a coloro che cercano una protezione internazionale. Ed è proprio il “caso Siria” che porta a pensarlo.

Tra il 2011 e il 2016 (ovvero, tra l’inizio della guerra civile e lo snodo fondamentale delle riconquista di Aleppo da parte dell’esercito siriano), più di 11 milioni di siriani (sui 23 milioni di abitanti del Paese) hanno dovuto abbandonare le loro case. La gran parte di loro è rimasta in Siria (più di 6,5 milioni, secondo l’Unhcr) o nei Paesi confinanti (poco meno di 5 milioni di Turchia. Libano, Iraq e Giordania, stessa fonte). Ma più di un milione di siriani ha chiesto asilo politico e protezione in Europa.

Chi si è fatto un minimo di esperienza di Siria in questi anni sa che ad andarsene all’estero non sono stati, necessariamente, i siriani più colpiti dalle atrocità e dalle miserie della guerra. Nella maggioranza dei casi sono riusciti ad arrivare in Europa i siriani più istruiti e benestanti, e quelli che avevano buoni contatti con i Paesi europei.

La diaspora, infatti, era nutrita anche prima di questa guerra, almeno una decina di milioni di persone con comunità cospicue in Germania (500mila persone) e Svezia (150mila) ma folte anche in Austria e Grecia, e chi aveva parenti già residenti sul suolo europeo ha avuto ovviamente vita più facile.

A fronte di tutto questo, i dati (elaborazione del Pew Research Center su cifre Eurostat) ci dicono che i siriani hanno fatto domanda d’asilo e richiesta di protezione in misura almeno doppia a quella di qualunque altra nazionalità. E che l’hanno ottenuta in una misura molto superiore a quella di qualunque altra nazionalità.
Nel 2015 e 2016 le richieste dei siriani sono state accolte (nei diversi Paesi Ue più Svizzera e Norvegia), nella misura dell’80%, assai più di quanto sia stato concesso agli eritrei (68%), ai somali (38%), agli iracheni (36%), ai sudanesi (36%) e agli afghani (22%). La media europea di concessione di una qualche forma di protezione internazionale è del 40%, quindi assai inferiore a quella già citata ottenuta dai siriani. Inoltre, il 52% dei 2,2 milioni di persone che in questi anni hanno chiesto asilo in Europa è ancora in attesa di una risposta, mentre solo il 20% dei siriani sta ancora aspettando. È davvero così stravagante ipotizzare che tutto questo non sia frutto del caso ma di una precisa scelta? Che non sia anche questa assai mirata “benevolenza” un’esca per svuotare la Siria, che l’Europa sottopone a embargo e di tanto in tanto bombarda, delle sue energie migliori? Che la solidarietà e la pietà delle organizzazioni di base non sia sapientemente indirizzata per il raggiungimento di uno scopo politico? 
È una domanda che tormenta, oggi, in primo luogo i rappresentanti delle comunità cristiane. I quali ripetono, ovviamente inascoltati, che la vera opera umanitaria, oggi, sarebbe aiutare i siriani a tornare in patria, non a lasciarla.

http://www.occhidellaguerra.it/migranti-siria-europa/

Ora pro Siria

Tortura, fame, condanne a morte: i civili della Ghouta orientale parlano della vita sotto il controllo dei terroristi.

l’autrice con residenti di Douma
di Eva Bartlett
traduzione: Gb.P.
La scorsa settimana ho scritto di quello che mi hanno raccontato i civili di Ghouta riguardo alle affermazioni non verificate sull’Esercito Siriano che li avrebbero attaccati con sostanze chimiche, ma essi hanno parlato anche dei crimini commessi dai terroristi e del ruolo dei White Helmets.
Benché benignamente chiamati “ribelli” dai media di sistema, il gruppo terrorista salafita Jaysh al-Islam non sta combattendo per la libertà o per i diritti umani in Siria, e nemmeno lo facevano gli altri gruppi terroristici che precedentemente governavano nella Ghouta orientale.
Era Jaysh al-Islam che imprigionava i civili siriani in gabbia, usandoli come scudi umani contro potenziali bombardamenti, e Jaysh al-Islam era tra i gruppi terroristici che sparavano missili e mortai sui civili a Damasco, uccidendo in questi anni oltre 10.000 persone. Loro, Faylaq al-Rahman, e le altre fazioni terroristiche che occupavano la regione regnavano con il terrore, decapitando uomini e donne e affamando il popolo.
La regola infernale di Jaysh al-Islam: fame ed esecuzioni con la spada
Quando ho visitato la Ghouta orientale e il centro per gli sfollati di Horjilleh appena a sud di Damasco (nella maggioranza persone provenienti da Ghouta), ho chiesto della loro vita sotto il dominio di Jaysh al-Islam e di altri gruppi, ed il motivo per cui stavano morendo di fame. La risposta è stata che, come io e altri avevamo già sentito in Aleppo est, in Madaya e al-Waer, i terroristi rubavano gli aiuti e controllavano tutto il cibo, rivendendocelo poi a prezzi da estorsione che la gente comune non poteva permettersi.
Sabah al-Mushref mi ha parlato della insensibilità dei terroristi di Hammouriyeh e Zamalka nei confronti dei bambini e di come i suoi stessi figli abbiano cercato il cibo tra l’immondizia dei leader terroristi che avevano cibo abbondante.
“Vivevo a Zamalka, i miei figli erano quasi morti di fame, la pelle di mia figlia era diventata gialla, era malnutrita”, mi ha detto Sabah. “L’ho portata al posto medico perché la visitassero, ma hanno detto che non c’erano medicine. Ho detto: ‘mia figlia sta morendo, cosa dovrei fare ?!’ Mi hanno risposto che il punto medico era solo per i cittadini di Douma. Sono andato allora dal rappresentante di Zamalka, l’ho supplicato: “Per favore dammi qualsiasi cosa per i miei figli, stanno morendo di fame, non hanno mangiato nulla da due giorni.” Ha detto: “Ciò che abbiamo qui è solo per i cittadini di Zamalka, tu sei di Marj al-Sultan, vai dal tuo rappresentante. Non c’è aiuto per te qui.”
Quando ho parlato con Sabah, era con altre tre persone provenienti dalle zone orientali di Ghouta. Le loro testimonianze son venute fuori, l’una peggiore dell’altra mentre parlavano a voce alta degli orrori che avevano vissuto.
Mahmoud Souliman Khaled, 28 anni, di Douma, ha parlato della sua prigionia e della tortura da parte di Jaysh al-Islam. “Mi hanno fermato di notte, stavo andando a prendere qualcosa. Sospettarono che lavorassi per il regime aiutando l’esercito. Mi portarono al carcere di al-Taoubah, dove mi torturarono. Mi legarono a una sedia e mi diedero la scossa, sulle mani e la punta delle dita dei piedi. Collegarono due fili alle dita dei piedi, poi li collegarono al generatore di corrente e dato la scossa. Han continuato a farlo affinché io confessassi, ma non ho confessato, perché non avevo niente da confessare. Mi hanno torturato per due giorni. Quello che hanno fatto mi ha causato una grave miopia; mi è sembrato che l’elettricità mi uscisse dagli occhi “.
Khaled ha parlato di un’esecuzione a cui ha assistito a Douma: “Sono venuti su un autocarro con a bordo una mitragliatrice da 23 millimetri (antiaerea) con uno al quale hanno fatto volare via la testa. Dopo hanno accusato l’Esercito Siriano di averlo ucciso.”
Una foto sul suo cellulare mostra un uomo senza testa seduto su una sedia, senza segni di bombardamenti. “Jaysh al-Islam lo ha decapitato per aver venduto cibo a buon mercato, mentre loro volevano mantenere alti i prezzi, in modo che le persone rimanessero impoverite e dovessero lavorare per loro nei tunnel o unirsi a loro nella lotta”.
A Kafr Batna, il 2 maggio di quest’anno, le strade erano ritornate alla vita normale e si è incominciato a ripulire, i tecnici dell’elettricità hanno ripristinato l’energia elettrica alla città. Fuori da un negozio che vende shawarma, Mou’taz Al-Aghdar racconta di essere stato imprigionato per 15 giorni da Jaysh al-Islam per aver venduto riso. “Hanno confiscato i nostri beni e ci hanno imprigionato. A nessuno è stato permesso di lavorare a meno che non fosse sotto il loro controllo.”
Parla anche delle esecuzioni con la spada e di bambini e adulti scomparsi, alcuni tornati con organi mancanti. “Viviamo in una piccola città, la gente iniziava a parlare: un bambino è stato rapito qui, un altro lì … Alcune persone sono state rapite e i loro organi sono stati prelevati. Un bambino è stato sepolto, era stato trovato morto in un fienile coperto di paglia, era stato legato e coperto di paglia mentre era ancora vivo. Non abbiamo saputo chi l’ha fatto “. Altri civili di Ghouta hanno parlato di furto di organi.
Più avanti, ho incontrato Mohammad Shakr, che ha indicato la rotonda centrale come luogo usato dai terroristi per le esecuzioni.
Mohammad Shakr nella piazza di Kafr Batna dove i terroristi giustiziavano i civili.

“Portavano qui le persone e le giustiziavano, a volte con una spada e altre volte con una pistola. Era molto normale per loro. Ora, da quando l’Esercito Siriano è arrivato qui, le persone possono nuovamente camminare e muoversi liberamente. Ma prima, non avresti visto nessuno sulla strada. “
In una gelateria vicino alla piazza, anche Abdallah Darbou ha detto di aver visto simili esecuzioni. Ha anche parlato di proteste. “Molte volte, abbiamo protestato contro i terroristi, perché eravamo affamati, ci stavano uccidendo. A volte ci hanno sparato addosso durante le proteste. Ci hanno distrutto, ci hanno davvero distrutti. Il regime siriano non ci ha fatto questo, quando l’esercito è entrato qui ci ha distribuito del pane, prima abbiamo visto il pane solo nelle foto”.

Percorrendo Douma il 29 aprile, ho incontrato Yahya Mohammed Hamo che vendeva arance su un carretto. Quando gli ho chiesto come era stata la vita sotto Jaysh al-Islam, ha risposto: “Fame, fame e fame. Se hanno una religione, sia maledetta quella religione. La religione non ti fa morire di fame “.
Gli uomini a un chiosco di frutta e verdura, che avevano risposto con un clamoroso “no” quando ho chiesto loro circa le accuse sugli attacchi con sostanze chimiche, hanno parlato anche degli aiuti inviati a Douma. Un uomo anziano, esagerando nel dire che c’era cibo in abbondanza a Douma, diceva che era sufficiente per altri cinque anni, ma che i terroristi li avevano privati di tutto.
Ho chiesto dei campi agricoli che avevo visto entrando a Douma. La risposta è stata che Jaysh al-Islam aveva il controllo su tutto, la terra fertile, il bestiame. Un giovane mi ha detto che prima che i terroristi lasciassero Douma sugli autobus, hanno sparato a tutti gli animali.
Gli uomini hanno parlato di esecuzioni, facendo un gesto alla gola. Un uomo più giovane ha raccontato di un altro omicidio, quando il boia mise una pistola nella bocca di qualcuno e premette il grilletto. “Terrorismo, sono il significato letterale del terrorismo”, dice Toufik Zahra, il proprietario dello stand.
Gli Elmetti Bianchi non sono così benevoli, hanno lavorato con i terroristi.
Alla mia domanda se i White Helmets aiutassero le persone, Zahra rispose: “La Difesa Civile era solo per i gruppi terroristici, solo per loro, per Jaysh al-Islam”.
Questo è stato ribadito da Mahmoud Mahmoud al-Hammouri, che lavora in un negozio in fondo alla strada, e che ha detto: “I Caschi Bianchi sono chiamati Difesa Civile. Si supponeva fossero per i civili, mentre era l’opposto: erano per Jaysh al-Islam. “
A Kafr Batna, il venditore di shawarma , Mou’taz Al-Aghdar, dice: “Jaysh Al-Islam ci attaccava indossando un caschetto bianco un giorno, mentre un altro giorno se lo dimenticava.”
Il giovane nella gelateria, Abdallah, risponde che non sapeva nulla dei Caschi Bianchi perché a lui e ai civili in generale non era permesso avvicinarsi.
Questo di per sé è strano, dato che il loro presunto obiettivo è quello di salvare i civili, e dato che i Caschi Bianchi avevano centri a Douma, Zamalka e Saqba. Il centro dei White Helmets di Saqba era a meno di 500 metri da Kafr Batna. In particolare, era a soli 200 metri di strada da un edificio in cui Faylaq al-Rahman produceva enormi quantità di missili e mortai. 
Marwan Qreisheh, nel centro di Horjilleh, ha molto da dire sui Caschi Bianchi. “I primi membri della Difesa Civile arrivati a Ghouta tre o quattro anni fa provenivano da paesi stranieri, non erano Arabi, non parlavano arabo. Erano la difesa dei terroristi ed erano soliti terrorizzare. Avevano un sacco di soldi e li usavano per attirare le persone ad unirsi alla Difesa Civile. Quando i White Helmets volevano andare da qualche parte, i terroristi erano soliti andare con loro e aprire le strade per loro. Nel momento in cui arrivavano in un posto dove avrebbero simulato un attacco, lanciavano 10 bombe fumogene, causando fumo pesante, non si vedeva nulla. Solitamente, sparavano alle persone e dopo che il fumo si era schiarito iniziavano le riprese. Era impossibile dire una parola perché ti avrebbero ucciso, ti avrebbero scaricato addosso il fucile immediatamente. Se qualcuno si fosse tagliato le vene di un braccio, lo avrebbero amputato immediatamente e ricucirebbero la ferita durante le riprese. Se la gamba di qualcuno era stata ferita a causa di un proiettile, un pezzo di vetro o altro, il loro primo trattamento era l’amputazione “.
Le affermazioni di Qreisheh sull’amputazione sono state riprese da Hanadi Shakr, da Saqba, che ha lavorato per un anno come infermiera fino a quando suo marito, che si era unito a Jaysh al-Islam, l’ha costretta a smettere.
“Ogni volta che c’era un caso un po’ severo, dicevano che dovevi amputare questa persona. Dicevano di essere a corto di forniture mediche e quindi l’amputazione è la scelta migliore. Non trattavano le persone. Anche le persone che avrebbero potuto necessitare di un intervento chirurgico minore, le avrebbero semplicemente amputate. “
Le denunce di mancanza di forniture mediche si sono rivelate false, come nella parte orientale di Aleppo. In un ospedale sotterraneo a Saqba da solo, ho visto stanze piene di medicinali e apparecchiature mediche rubate. I giornalisti siriani hanno documentato tali traffici ovunque nella Ghouta orientale.
Secondo Hanadi Shakr “tutto l’aiuto medico e alimentare che era introdotto, semplicemente svaniva, lo avrebbero venduto e preso i soldi. Tutto è andato ai leader delle fazioni terroristiche”.
Quando la Ghouta orientale è stata liberata, i media main-stream erano impegnati a sfornare resoconti falsi di massacri, proprio come accadde quando Aleppo è stata liberata. Producevano storie provenienti da sostenitori di fazioni terroristiche, incolpando sempre il Governo siriano per la fame e, soprattutto, tacendo i crimini e il terrorismo dei gruppi estremisti che occupavano la Ghouta orientale. In realtà, i civili di Ghouta avevano molto da dire sui crimini dei loro carcerieri, e anche del loro sollievo per essere stati liberati dall’esercito siriano, ma i media corporativi non sono interessati se ciò non si adatta alla loro narrativa sul cambiamento di regime.

*Eva Karene Bartlett è una giornalista freelance e attivista per i diritti umani con una vasta esperienza nella Striscia di Gaza e in Siria. I suoi scritti possono essere trovati sul suo blog “In Gaza”.
Tutte le immagini in questo articolo sono dell’autore.

https://www.rt.com/op-ed/429349-syrians-tell-terrorists-white-helmets/
Ora pro Siria

Condividi

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Calendario

luglio: 2018
L M M G V S D
« Giu    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Archivi