I coloni israeliani hanno attaccato un incontro di cristiani in Al-Quds

Venerdì, coloni israeliani hanno brutalmente attaccato un gruppo di cristiani palestinesi che si trovavano in una sala riunioni, a Al-Quds (Gesuralemme est* in Cisgiordania). I coloni hanno gridato slogan anti-cristiani. Il portavoce dei Consiglio dei Vescovi in Terra Santa, Wadi Abu Nassar, ha fermamente condannato l’attacco, ritenendolo un grave incitamento contro i Cristiani.

Redazione

moschea al-Aqsā

moschea al-Aqsā

La tensione nei territori palestinesi occupati è peggiorata dopo una serie di incursioni e profanazione della moschea di Al-Aqsa, che si trova nella città di Al-Quds (Gerusalemme), questi episodi hanno scatenato una nuova Intifada.

La violenza ha ucciso 218 finora palestinesi, 34 israeliani, due americani, un sudanese eritrea e, secondo un conteggio AFP. La scorsa settimana alcuni coloni israeliani hanno attaccato un incontro di cristiani in Al-Quds

Medio Oriente Monitor riferisce che fonti israeliene hanno riportato che venerdì al canto di slogan e insulti, alcuni coloni, guidati dall’ estremista Benzi Gopstein, ha attaccato un incontro di cristiani  ad Al-Quds .

Wadei Abu Nasar, un avvocato che rappresenta il Consiglio episcopale di Al-Quds, ha condannato l’attacco e lo ha chiamato una “provocazione”. Ha anche esortato le autorità israeliane a portare accuse penali contro Gopstein ei suoi seguaci per la loro autorità misure violente e provocatorie.

Benzi Gopstein è il direttore del gruppo “antiassimilazione” Lehava, che si oppone a qualsiasi tipo di rapporto economico o di amicizia tra gli ebrei e coloro che non lo sono. Quando Gopstein era agli arresti domiciliari e quando si stava riprendendo da un intervento chirurgico, abbiamo visto una diminuzione della violenza “, ha detto il capo della Riforma israeliana per la religione e lo stato, il rabbino Noa Sattath.

743019105-1 Come riferito dalla pagina Web ‘Palestina Days’ , ogni giovedi, un gruppo di coloni guidati da Gopstein marcia in Sion Square a Al-Quds doveaggredisce verbalmente e fisicamente i palestinesi. Nel frattempo, ‘Ynet News’ lo scorso giovedì ha annunciato che il rabbino Noa Sattath (capo del Centro israeliano per la Riforma della religione e lo stato), ha accusato Gopstein accusato di atti di incitamento e aggressioni contro i palestinesi.

In alcune dichiarazioni razziste contro cristiani e musulmani, Gopstein ha incitato lo scorso agosto 2015 i suoi seguaci a bruciare le chiese cristiane che si trovano nei territori occupati. I radicali ebrei hanno dato fuoco a diverse chiese negli ultimi anni perchè considera i luoghi di pratica religiosa idolatri.

I coloni sionisti, che hanno la luce verde da parte dell’esercito israeliano a ricorrere alla violenza contro i palestinesi, di tanto in tanto profanano i luoghi santi di musulmani e cristiani e premono  sui palestinesi affinchè  abbandonino la loro terra.

Fonte: Digital Spy

nota a margine: Gerusalemme Est è stata annessa unilateralmente da Israele dopo la vittoria della guerra ‘dei sei giorni’ mossa dagli arabi, per questo Israele non la considera come parte della Cisgiordania; comunque, l’annessione è ancora oggetto di disputa. In ogni caso, viene spesso trattata come separata dalla Cisgiordania a causa della sua importanza; ad esempio, gli Accordi di Oslo trattano lo status di Gerusalemme Est come una questione separata dallo status degli altri Territori Palestinesi.

Condividi
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Calendario
ottobre: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  
Archivi