crisi

Dietro alla crisi del Golfo si cela anche una spaccatura religiosa tutta interna al mondo sunnita

di Michele Brignone

Oltre ad aver ridisegnato gli equilibri geo-politici mediorientali, la crisi che da un anno oppone il Qatar e la coalizione composta da Arabia Saudita, Emirati, Egitto e Bahrein ha ratificato la frattura politico-religiosa, tutta interna al mondo sunnita, tra un campo islamista sponsorizzato da Doha e un campo anti-islamista sostenuto dagli Stati del quartetto.
Una relazione complicata
   Il conflitto attuale è l’ultimo capitolo nella storia della complicata relazione triangolare tra lo Stato egiziano, i Fratelli musulmani e i Paesi del Golfo. Tutto cominciò negli anni ’50, quando molti membri della Fratellanza lasciarono l’Egitto per sfuggire alla repressione nasserista, trovando rifugio nel Golfo e in particolare in Arabia Saudita. Fino all’inizio degli anni ’90, l’incontro tra gli islamisti e l’Arabia Saudita avvenne sotto il segno della cooperazione: i Fratelli musulmani furono considerati un alleato naturale contro i movimenti arabi rivoluzionari e contribuirono ad accrescere la legittimità pan-islamica di Riyadh. Fu in questo periodo che dall’ibridazione culturale e religiosa tra le idee della Fratellanza e il wahhabismo saudita nacque il movimento della Sahwa islāmiyya (il Risveglio islamico). Il sodalizio si ruppe con la guerra del Golfo del 1990-1991, quando per liberare il Kuwait occupato dall’Iraq di Saddam Hussein la monarchia saudita permise alle truppe statunitensi di stazionare sul proprio territorio, scatenando l’indignazione islamista.
Le rivoluzioni arabe del 2011 hanno poi allargato ulteriormente il fossato: mentre i Fratelli musulmani e altri movimenti islamisti, sostenuti dal Qatar e dalla Turchia, erano impegnati a creare un nuovo ordine politico mediorientale, l’Arabia Saudita e gli Emirati intervenivano per ripristinare lo status quo, in particolare appoggiando l’Egitto del generale al-Sisi.
Critiche e accuse incrociate
   Dopo la rottura del 2017, si sono moltiplicate accuse, analisi critiche, e prese di distanza incrociate da parte di politici, intellettuali e chierici dei due campi. Il fronte pro-islamista e filo-Qatar accusa lo schieramento opposto di aver tradito l’Islam, cedendo al secolarismo occidentale. Per esempio il marocchino Ahmad al-Raysūnī, principale ideologo del movimento Unicità e Riforma (MUR) e vice-presidente dell’Unione Mondiale degli Ulema Musulmani, nell’ottobre del 2017 ha rimproverato all’Islam sauditadi essere passato «dalla fioritura alla decadenza». Sempre nell’autunno del 2017, dalle colonne del quotidiano qatarino al-Watan, il giornalista di al-Jazeera Ahmad Mansūr ha imputato a Emirati e Arabia Saudita di voler deliberatamente secolarizzare le società islamiche. In una serie di articoli pubblicati sul quotidiano digitale filo-qatarino Arabi21, Soumaya Ghannouchi, figlia del fondatore e leader del partito islamista tunisino Ennahda, ha descritto invece il conflitto attuale come una battaglia tra un Islam democratico e liberale e un autoritarismo che in passato si è servito della religione ma che oggi è diventato laicista.
 Il fronte anti-islamista ascrive invece la violenza e il caos che perturbano le società musulmane all’influenza nefasta dei Fratelli musulmani. Ad esempio il principe ereditario saudita, Muhammad bin Salman, che ha promesso di “riportare” l’Arabia Saudita alla “moderazione” degli anni precedenti al 1979, attribuisce l’estremismo religioso presente nel Regno alle infiltrazioni della Fratellanza, in particolare nel sistema educativo saudita.
L’Islam emiratino: tra tradizione e pensiero critico
   Al di là della discutibile narrazione storica proposta da MBS, il suo progetto di riforma dell’Islam rimane molto vago. La sua preoccupazione non è tanto una riforma religiosa, quanto un Islam che non intralci il processo di modernizzazione del Paese, non si trasformi in una forma di opposizione politica e non comprometta la reputazione internazionale dell’Arabia Saudita. È per questo che la vera alternativa all’interpretazione islamista non è l’Islam che, chissà quando chissà se, nascerà in Arabia Saudita, ma quello che già oggi viene promosso dagli Emirati. Questi ultimi, a differenza dell’Arabia Saudita e del Qatar, non aderiscono alla dottrina wahhabita, ma alla scuola malikita. Allo stesso tempo però, gli Emirati non dispongono di istituzioni islamiche tradizionali attraverso le quali veicolare il proprio messaggio religioso. La loro politica islamica si è così tradotta nel patrocinio di nuove istituzioni, nominalmente indipendenti, guidate da eminenti personalità del mondo sunnita.  Fra queste spiccano il Consiglio dei Saggi Musulmani e il Forum per la Promozione della Pace nelle Società Musulmane, nate entrambe ad Abu Dhabi nel 2014. Il Consiglio, che riunisce ulema di tutto il mondo, è presieduto dal Grande Imam dell’Azhar Ahmad al-Tayyib, e rappresenta una risposta all’Unione Mondiale degli Ulema Musulmani, una rete di esperti religiosi e intellettuali di orientamento islamista, molto vicina al Qatar, creata e presieduta dal “global mufti” Yūsif al-Qaradāwī. Il Forum per la Promozione della Pace è invece guidato dallo shaykh di origine mauritana ‘Abdallāh Bin Bayyah, che fino al 2013 faceva parte dell’Unione mondiale degli Ulema. Queste due istituzioni sono espressione di un Islam legato alle scuole giuridiche e teologiche tradizionali e alla spiritualità sufi, impegnato nel dialogo interreligioso e interculturale e decisamente avverso alle interpretazioni politiche e violente. 
 Tuttavia, l’azione degli Emirati non punta soltanto nella direzione di una religiosità neo-tradizionale: da qualche tempo, ospite fisso del canale Abu Dhabi TV è Muhammad Shahrūr, intellettuale siriano impegnato in un’esegesi rinnovata del Corano, che, quando in Tunisia si è iniziato a dibattere del superamento della disparità successoria tra uomo e donna, si è trovato sul fronte opposto a quello dello shaykh al-Tayyib. Secondo un’inchiesta pubblicata nel luglio del 2017 sul sito di al-Jazeera, gli Emirati sarebbero anche i principali ideatori e finanziatori di Mu’minūn bilā Hudūd (“Credenti senza frontiere”), una Fondazione la cui sede principale è a Rabat e a cui partecipano intellettuali di tutto il mondo arabo. Attraverso un’impressionante mole di pubblicazioni ed eventi, Mu’minūn bilā Hudūd promuove un pensiero critico sulla tradizione islamica e sul rapporto tra Islam e spazio pubblico, dando voce a quei “nuovi pensatori” che da alcuni decenni portano avanti una rilettura della rivelazione attraverso gli strumenti offerti dalla critica testuale moderna. Cura per esempio la pubblicazione dell’opera omnia dello studioso egiziano Nasr Hāmid Abū Zayd, noto per la sua ermeneutica storica del testo sacro islamico.
The Koran (photo: dpa)Due modelli per l’Islam sunnita
   Il Qatar dell’emiro Tamīm e gli Emirati dell’attivissimo erede al trono di Abu Dhabi Muhammad bin Zāyid sono così l’emblema delle due grandi interpretazioni che si contendono oggi la scena sunnita. Da una parte una lettura politica dell’Islam, fondata sulla critica all’ordine esistente e ai regimi autoritari, attenta alla giustizia sociale e fautrice di un progetto di reislamizzazione delle società e di istituzione di regimi “islamo-democratici”, sulla falsariga dell’esperienza, perlopiù fallimentare, tentata dopo le rivolte del 2011 in Tunisia ed Egitto. Dall’altra un Islam incentrato sulla spiritualità personale, ostile alle interpretazioni violente, presente sulla scena pubblica ma poco interessato a interferire con le scelte politiche ed economiche dei governanti, anche a costo di chiudere un occhio sugli abusi e sulle ingiustizie commessi da questi ultimi.
   È interessante notare che, sebbene questa alternativa percorra oggi molte società musulmane, essa non sia necessariamente destinata a produrre conflitti laceranti. Paesi come la Tunisia e il Marocco, in cui il processo di costruzione democratica continua ad avanzare, sono anche quelli che hanno impedito all’islamismo di egemonizzare la sfera religiosa, ma senza escluderlo dallo spazio politico e dalla società.

Ora pro Siria

Le misure coercitive unilaterali rafforzano la crisi umanitaria in Siria

Dichiarazione di Idriss Jazairy, relatore speciale del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite a Ginevra su “gli effetti negativi delle misure coercitive unilaterali sull’esercizio dei diritti umani”, alla fine della sua missione nella Repubblica Araba Siriana.

L'immagine può contenere: una o più persone, scarpe e spazio all'aperto

Idriss Jazairy, relatore speciale sull’effetto negativo delle misure coercitive unilaterali sul godimento dei diritti umani, ha visitato la Siria dal 13 al 17 maggio 2018 su invito del governo siriano. Alla fine del suo viaggio, era profondamente preoccupato di come vengono applicate le sanzioni unilaterali. Una delle conseguenze è il rifiuto dell’aiuto umanitario di emergenza per il popolo siriano; le sanzioni aggravano la crisi umanitaria in Siria e riguardano soprattutto le popolazioni più fragili. Idriss Jazairy ha annunciato che nel settembre 2018 apparirà il suo rapporto dettagliato contenente i suoi risultati e le sue raccomandazioni.
Pubblicato in inglese da   Ohchr.org 

Traduzione:  OraproSiria 

Osservazioni preliminari e raccomandazioni
Vorrei iniziare questo incontro esprimendo la mia gratitudine al governo della Repubblica araba siriana per il suo invito a visitare il paese e per la franchezza e la disponibilità che ha dimostrato e che hanno facilitato gli incontri della mia missione. Vorrei anche ringraziare l’ufficio del coordinatore residente, i membri della squadra nazionale delle Nazioni Unite e l’ufficio dell’Alto commissario per i diritti umani per il loro prezioso sostegno.
Il Consiglio per i diritti umani mi ha incaricato di monitorare gli effetti negativi delle misure coercitive unilaterali sull’esercizio dei diritti umani, di riferire e formulare raccomandazioni. In diverse occasioni, le Nazioni Unite hanno espresso preoccupazione per l’uso di tali misure che potrebbero essere in conflitto con il diritto internazionale, il diritto internazionale umanitario, la Carta delle Nazioni Unite, le norme e i principi che governano relazioni pacifiche tra Stati.
Durante la mia visita, ho avuto l’onore di essere ricevuto da ministri, vice ministri e alti funzionari dei Ministeri degli Affari Esteri e degli Espatriati, dell’Economia e del Commercio, Amministrazione locale e Ambiente, del Lavoro e Affari Sociali, Trasporti, Agricoltura e riforma agraria, dell’Elettricità e della Sanità. Ho anche incontrato la direzione della commissione per la pianificazione e la cooperazione internazionale, l’ufficio centrale di statistica, la Camera di Commercio e il governatore della Banca centrale.
Il personale della società civile, le organizzazioni umanitarie e gli esperti indipendenti mi hanno dato delle guide. Infine, sono grato anche per i numerosi corpi diplomatici che hanno condiviso le loro opinioni con me durante la mia visita. Ho apprezzato molto i briefing della Commissione economica e sociale delle Nazioni Unite per l’Asia occidentale a Beirut prima della mia visita.
Lo scopo di questa missione era di esaminare fino a che punto le misure coercitive unilaterali dirette alla Repubblica araba siriana indeboliscano la piena realizzazione dei diritti sanciti nella Dichiarazione universale dei diritti umani e in altri strumenti internazionali sui diritti umani.  Presenterò il mio rapporto completo al Consiglio per i diritti umani nel settembre 2018. Questo rapporto contiene le mie osservazioni preliminari sui risultati della mia visita.
Ho esaminato la situazione della Repubblica araba siriana in quanto obiettivo di misure coercitive unilaterali da parte di diversi Stati. Ho analizzato le prove rilevanti e ho cercato di valutare l’impatto attuale di tali misure sul popolo siriano. Uno Stato ha istituito misure coercitive unilaterali nel 1979, che sono state rafforzate negli anni successivi. Un gruppo più ampio di Stati ha iniziato ad applicare misure simili nel 2011.
Le misure collettive richiedono un divieto di commercio per l’importazione e l’esportazione di vari servizi e beni. Ciò include anche i trasferimenti finanziari internazionali. La sovrapposizione di diversi gruppi di misure collettive settoriali, unitamente all’introduzione sistematica di restrizioni finanziarie, equivale al loro impatto complessivo sull’imposizione di restrizioni più ampie sulla Siria. Sono state inoltre attuate misure complementari rivolte a persone in base al loro rapporto con il governo.
Per la loro natura globale, queste misure hanno avuto un effetto devastante sull’intera economia e sulla vita quotidiana delle persone comuni. Ciò ha esacerbato le loro sofferenze a causa della devastante crisi che si è sviluppata dal 2011. Distinguere gli effetti delle misure coercitive unilaterali di questa crisi pone molte difficoltà, ma ciò non sminuisce in alcun modo la necessità di ripristinare i loro diritti umani fondamentali nel loro insieme.
È chiaro che la sofferenza inflitta da misure coercitive unilaterali ha aumentato la sofferenza causata dal conflitto. In effetti, ironia della sorte, queste misure attuate dagli Stati di origine senza preoccuparsi dei diritti umani, attualmente contribuiscono al deterioramento della crisi umanitaria come una conseguenza fortuita.
Il drammatico aumento della sofferenza del popolo siriano
L’economia siriana continua a deteriorarsi a un ritmo allarmante. Dopo l’applicazione delle misure coercitive nel 2011 e l’inizio dell’attuale crisi, il PIL annuo totale della Siria è diminuito di due terzi. Le riserve in valuta estera sono state esaurite e le attività finanziarie internazionali e altre attività continuano a essere congelate. Nel 2010, 45 lire siriane erano scambiate a un dollaro; nel 2017, il tasso è sceso a 510 lire per dollaro. L’inflazione è aumentata drasticamente dal 2010, con un picco dell’82,4% nel 2013; il prezzo del cibo è aumentato durante questo periodo. La combinazione dei fattori ha portato alla devastazione delle condizioni di vita della popolazione che era già stata danneggiata dal conflitto. Questo fenomeno riguarda in particolare la metà dei siriani attivi che ricevono uno stipendio fisso.
Conseguenze non intenzionali delle misure coercitive unilaterali
Questo danno all’economia ha avuto effetti prevedibili sulla capacità dei siriani di comprendere la loro economia e i loro diritti sociali e culturali. Gli indici di sviluppo umano siriano sono tutti crollati. C’è stata una crescita vertiginosa del tasso di povertà tra i siriani ordinari.  Mentre non c’era insicurezza alimentare prima dello scoppio della violenza, nel 2015 il 32% dei siriani ne è stato colpito. Allo stesso tempo, la disoccupazione è aumentata dall’8,5% nel 2010 a oltre il 48% nel 2015.
Restrizioni bancarie
Le preoccupazioni onnipresenti di cui ho sentito parlare durante la mia missione riguardano gli effetti negativi delle restrizioni finanziarie su tutti gli aspetti della vita siriana. Le restrizioni della Banca centrale, delle banche pubbliche e delle banche private, nonché delle transazioni nelle principali valute internazionali hanno eliminato la capacità di chiunque di fare affari a livello internazionale.
Pur avendo teoricamente incluso “deroghe umanitarie”, nella pratica queste si sono rivelate costose ed estremamente lente.
L’incertezza sul fatto che le transazioni violino o meno le misure coercitive unilaterali ha portato a un “raffreddamento” di banche e aziende che sono, quindi, riluttanti o incapaci di fare affari con la Siria. Ciò ha impedito alla Siria, alle multinazionali, agli attori non governativi (compresi quelli che lavorano solo nel campo umanitario) e ai cittadini siriani di condurre transazioni finanziarie internazionali (anche per beni legalmente importati) , ottenere credito o, per attori internazionali, pagare salari o pagare imprenditori in Siria.
Ciò ha costretto i siriani a trovare alternative, come il hawala [un sistema tradizionale di pagamento informale nel mondo arabo, ndr], causando la circolazione di milioni di dollari attraverso costosi intermediari finanziari che a volte si sono rivelati parte di organizzazioni terroristiche. Questi canali, che non sono trasparenti, non possono essere controllati e aumentano il costo della transazione, e rimangono l’unico modo per operare a livello internazionale per le società e gli attori più piccoli nella società civile siriana.
Assistenza medica
La Siria offre un accesso universale e gratuito all’assistenza sanitaria a tutti i suoi cittadini. Prima dell’attuale crisi, godeva di uno dei più alti livelli di assistenza nella regione. Le richieste create dalla crisi hanno travolto il sistema e causato un livello eccezionalmente elevato di bisogno. Nonostante ciò, le misure restrittive, in particolare quelle relative al sistema bancario, hanno influenzato la capacità della Siria di acquistare e pagare farmaci, attrezzature, pezzi di ricambio e software. Sebbene in teoria vi siano esenzioni, in pratica le società internazionali private non sono pronte a superare gli ostacoli necessari per garantire di poter trattare con la Siria senza essere accusate di violare inavvertitamente misure restrittive.
Migrazione e “fuga di cervelli”
Sebbene la situazione della sicurezza sia un fattore determinante nel flusso migratorio della Siria, bisogna sottolineare che il drammatico aumento della disoccupazione, la mancanza di offerte di lavoro, la chiusura delle imprese a causa dell’impossibilità di ottenere materie prime, macchinari o esportazione dei loro beni hanno tutti contribuito all’aumento dell’emigrazione dei siriani. Alcuni Stati “accoglienti” hanno selezionato migranti qualificati e hanno esercitato pressioni sui meno fortunati per tornare in Siria. La “fuga di cervelli” ha indebolito particolarmente le industrie mediche e farmaceutiche, proprio nel periodo peggiore per la Siria.
La fine anticipata dell’attuale conflitto non metterà fine al flusso di migranti, specialmente in Europa, data la saturazione dei paesi vicini. È probabile che tali flussi continuino fino a che le misure coercitive unilaterali impediranno alle autorità siriane di risolvere i problemi urgenti connessi alle infrastrutture sociali ed economiche, come il ripristino delle forniture di acqua ed elettricità.
Divieto di commercio di attrezzature e pezzi di ricambio
Il divieto di commercio di attrezzature, macchinari e pezzi di ricambio ha spazzato via l’industria siriana. I veicoli, comprese le ambulanze, i camion dei pompieri e le macchine agricole mancano di pezzi di ricambio. Pompe idriche difettose compromettono gravemente l’approvvigionamento idrico e riducono la produzione agricola. Le centrali elettriche non funzionano più e le nuove non possono essere costruite o mantenute, il che causa interruzioni di corrente. Macchine complesse, che richiedono manutenzione da parte di tecnici internazionali, non funzionano più e danneggiano dispositivi medici e macchinari di fabbrica. Gli aerei civili non sono più in grado di volare in sicurezza e gli autobus di trasporto pubblico sono in uno stato disdicevole. A prescindere dai motivi che i Paesi di origine adducono per giustificare la restrizione dei cosiddetti beni a duplice uso, devono essere compiuti sforzi maggiori per garantire l’autorizzazione dei beni chiaramente destinati all’uso civile e per garantire che possano essere finanziati.
Embargo sulla tecnologia

A seguito di misure coercitive unilaterali, i siriani non sono in grado di acquisire molte tecnologie, compresi telefoni cellulari e computer. Le società di software, le società tecnologiche e il software bancario e finanziario sono dominati dagli americani e sono vietati in Siria. È quindi difficile trovare alternative, il che ha paralizzato o perturbato ampie sezioni di istituzioni siriane.

 Istruzione e formazione

La mancanza di supporti, di acqua e di forniture energetiche, così come la mancanza di materiale didattico che ritarda la ricostruzione delle scuole, ha impedito a 1,8 milioni di bambini di andare a scuola. La capacità dei siriani di contribuire alla comunità internazionale è stata seriamente compromessa. I siriani sono stati esclusi dai programmi di scambio educativo internazionale e incontrano grandi difficoltà nell’ottenere un visto, il che impedisce a molti di loro di studiare o di viaggiare all’estero, di espandere la loro formazione e competenze o di partecipare a conferenze internazionali. Ritirando i loro servizi consolari dalla Siria, i Paesi hanno costretto i siriani, compresi i più poveri, a recarsi nei paesi vicini per inoltrare tali domande, sottoponendoli a costose restrizioni d’ingresso.
Conclusione

Sono profondamente preoccupato che le misure coercitive unilaterali contribuiscano all’attuale sofferenza dei siriani. Proclamare la necessità di estendere misure coercitive in vista della protezione della popolazione o dell’agevolazione di una transizione democratica è difficilmente compatibile con le sofferenze subite sul piano umanitario ed economico. È giunto il momento di chiedersi se queste conseguenze non intenzionali non siano più gravi di quelle ragionevolmente accettabili per gli stati democratici. A prescindere dagli obiettivi politici, devono esserci modi più umani di raggiungerli, nel pieno rispetto del diritto internazionale.

Data la complessità del sistema di misure coercitive unilaterali in vigore, occorrerebbe un approccio graduale per affrontare la deplorevole situazione dei diritti umani in Siria oggi. Ciò implicherebbe un approccio sequenziale che soddisferebbe i bisogni umanitari di base delle persone in tutto il paese, senza precondizioni, quando si tratta di vita o di morte. Un primo passo potrebbe integrare l’urgente necessità di sicurezza alimentare, che riguarda quasi un terzo della popolazione. Il secondo passo deve essere tradotto in misure efficaci sul terreno, gli Stati di origine devono rispettare i loro impegni e adempiere ai loro obblighi autorizzando esenzioni umanitarie, in particolare per le transazioni finanziarie. Infine, deve esserci una discussione seria sulla riduzione delle misure coercitive unilaterali, a partire da quelle che hanno l’effetto più scioccante sulla popolazione, così che queste promuovano la costruzione della fiducia tra le parti, con, obiettivo finale, la rimozione delle misure coercitive unilaterali. Spero che questo briefing  e la mia prossima relazione contribuiscano a tal fine.
Grazie. 

Ora pro Siria

Condividi

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Calendario

luglio: 2020
L M M G V S D
« Dic    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Archivi